Il caso Baglioni spacca la Rai: affondo della Lega , l'ad lo blinda

ARTICOLI CORRELATI
di Mario Ajello

12
  • 847
Il direttore generale della Rai, Fabrizio Salini, da una parte, quella di Claudio Baglioni, e la direttrice di Rai1, Teresa De Santis, dall'altra, quella contraria al cantante di «Passerotto non andare via...». Una divisione aziendale, che è una divisione politica, visto che in Rai tutto è politica. Baglioni ha attaccato Salvini («Una farsa sui 49 migranti, stiamo ricostruendo i muri, non li abbiamo mai abbattuti. Non credo che questo faccia la felicità degli esseri umani» e via così) e questo non è piaciuto affatto al fronte giallo-verde che governa anche Viale Mazzini. Le parole attribuite alla De Santis - «Baglioni mai più all'Ariston, se ci sono io» - ha scatenato ire di qua e di là e ieri la neodirettrice dell'ammiraglia Rai ha insistito. «Sono solo canzonette, o almeno dovrebbero esserlo, una settimana di grande cerimonia di svago e spettacolo nazionale sarà Sanremo. Invece, e non solo per responsabilità di Baglioni, sono state trasformate nel solito comizio», così fa notare la De Santis. Che tra l'altro respinge le accuse o il sospetto di essere stata chiamata al vertice di Rai1 in quanto «direttore in quota Isoardi».

Claudio Bisio: «Migranti? Preferisco non commentare, parlerò sul palco a Sanremo»

 
 


Ma davvero, come gira voce, la De Santis vuole fare fuori Baglioni da Sanremo (non questo, ormai è tardi, ma il prossimo), se continua così? A bloccare la ridda di ipotesi, dietrologie e malignità, scende in campo - lui che non parla mai - l'amministratore delegato Rai, Fabrizio Salini. E baglioneggia. In un tweet, definisce il festival di Sanremo «patrimonio degli italiani», sottolinea che il suo compito, e quello di tutta la Rai, «è garantirne la qualità e il successo». E aggiunge che «grazie al prezioso contributo di tutte le nostre professionalità, stiamo lavorando per far sì che il direttore artistico Baglioni, in un clima di piena collaborazione, possa realizzare, insieme a Rai1, un Festival in linea con le aspettative del grande appuntamento che unisce il Paese».

Comunque Baglioni non aveva preparato il suo discorso politico in conferenza stampa di presentazione di Sanremo. Ma sollecitato da qualche domanda si è infilato nella polemica e poi sembrava averci preso gusto nel dire quello che ha detto. «Ha fatto un comizio», sostiene la De Santis. Mai dem, che vogliono discutere la vicenda in commissione di Vigilanza, non la pensano così e hanno trovato in Baglioni - di sinistra ma mai cantautore impegnato al tempo della musica militante e dunque non veramente amato da quella parte politica: vuoi mettere con De Gregori e Guccini?! - un nuovo eroe anti-salvinista. Anche se è tardi per candidarlo alle primarie. Il presidente della Vigilanza Rai, Alberto Barachini, intanto così risponde alla richiesta del Pd di discutere il caso: «Sto lavorando. Non commento i retroscena né le provocazioni».

DAL CAVALIERE AL CAPITANO
Il consigliere Rai in quota Fratelli d'Italia, Giampaolo Rossi, si schiera contro il cantautore-presentatore: «Il vero tema non è il fatto che Baglioni possa esprimere un parere su un tema di grande attualità come l'immigrazione. Ma il fatto che abbia scelto di esprimersi sull'argomento sotto i riflettori della conferenza stampa del Festival di Sanremo». E se intanto Salvini raddoppia (dopo il «canta che ti passa» contro Baglioni, il «Fabio Fazio guadagna in un mese quanto me in un anno»), la battaglia dem contro l'Editto Teresa, sospettata di faziosità giallo-verde e di smanie da epurazione, è destinata a continuare. E nel «Paese incattivito e rancoroso», come lo ha definito Baglioni, Sanremo si annuncia più complicato del solito. Se non ci saranno all'Ariston accenni alla politica (memorabile fu l'ingresso a cavallo di Benigni e le sue ironie contro il Cavaliere), si griderà alla censura. Se invece ci saranno, apriti cielo.
 
Venerdì 11 Gennaio 2019, 07:19 - Ultimo aggiornamento: 11-01-2019 15:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-01-12 05:32:52
Il miliardario egoista che sfreccia con il suo potente bolide, sguardo truce di ordinanza, e si rinchiude nella sua mega villa alla camilluccia, non può fare il Santo in tv, dovrebbe farlo nella vita reale, ma è una cosa di cui non è capace.
2019-01-11 09:34:50
L'eterno ragazzo è rmasto al mondo ideale della sua gioventù.Essendo benestante e vivendo di cnzonette non si è dovuto prendere sulle spalle la globalizzazione, la lot per le case popolari da dividere codicilli all mano da gente venuta da tuttaltra parte o le paghe basse per la concorrenza di manodopera straniera che con le paghe basse in Ityalia, risparmiando si fa una posizione nel propio paese.Tanto per fre un esempio, le badanti ucraine che lavorano in nero in Italia,si comprano appartamenti neiu loro paesi e sistemano la famiglia.Ma questo ,il ragazzotto della maglietta fine finge di non saperlo.
2019-01-11 12:52:36
Non sé mai interessato di politica a sempre cantato canzuncelle e ora va di moda difendere i migranti. Tanto nella sua bella villa con guardie del corpo quando li vedrà?
2019-01-11 12:22:39
Quando nessuno si cura di loro si mettono a discutere di clandestini non è il primo e non sarà l'ultimo.
2019-01-11 10:23:15
E' vergognoso trasformare uno semplice spettacolo di risonanza purtroppo mondiale in un'arena politica. H sbagliato Baglioni, che ha il diritto a opinioni personali, ma non di sbandierarle sotto la bandiere di una manifestazione di cui è un dipendente non il proprietario. Il clima RAI è mefitico per la prevalenza della politica. Privatizziamola e basta

QUICKMAP