Migranti, il Papa: «I 170 ragazzi morti nel Mediterraneo cercavano solo un futuro»

Migranti, il Papa: «I 170 ragazzi morti nel Mediterraneo cercavano solo un futuro»
ARTICOLI CORRELATI
di Franca Giansoldati

Città del Vaticano  - Papa Francesco manifesta al mondo tutta la sua pena. Lo fa affacciandosi dalla finestra del Palazzo Apostolico per la recita dell'Angelus domenicale. Ai fedeli che sono radunati sulla piazza e a quelli che sono collegati in tv confida la sua profonda tristezza. «Oggi ho due dolori nel cuore: la Colombia e il Mediterraneo. Desidero assicurare la mia vicinanza al popolo colombiano, dopo il grave attacco terroristico di giovedì scorso alla scuola nazionale della polizia. Prego per le vitime e per i loro familiari e continuo a pregare per il cammino di pace in quel Paese». Il Papa fa una pausa, gli esce un sospiro e poi continua: «Penso anche alle 170 vittime del naufragio nel Mediterraneo cercavano futuro per la loro vita. Vittime forse di trafficanti di esseri umani. Preghiamo per loro e per coloro che hanno responsabilita’ per quello che e’ successo». 
Domenica 20 Gennaio 2019, 13:11 - Ultimo aggiornamento: 20-01-2019 16:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-01-20 15:28:47
Ci sono tanti italiani che cercano un futuro e non lo trovano...che parole inutili e banali.Tutti sono responsabili tranne il migrante .dobbiamo sentirci bombardare la coscienza perchè delle persone si sono messe su un gommone pericoloso.L'africa è un paese ricchissimo di tutto.l'etiopia è un paese dove si può coltivare tutto ,dal caffè alle arance siciliane e dove si potrebbe anche sciare.Se dovessimo rifarci una colonia dovremmo riprenderci l'etiopia e annetterla definitivamente al paese.
2019-01-20 15:00:34
"Cercavano futuro per la loro vita". Belle parole. Ma i fatti sono altri. Centinaia, migliaia di persone vengono illuse a belle parole e promesse di vita migliore. Poi il nulla. Quale è il progetto di Dio dovremmo chiederci. Il Vaticano non puo' limitarsi alle belle parole ed accogliere solo gli immigrati migranti di serie A ( istruiti, con modi civili ed umili di modi) a spese del Governo ma promuovere l'invio di personale ( religioso è dire poco) in loco per permettere l'elevazione dei migranti. Far venire un metalmeccanico formato in Italia significa avere una risorsa da impiegare immediatamente ed un futuro per lui, un migrante con sole speranze di vita significa alimentare un infelice che sopravvive sino a morire. Nulla vi è nel messaggio cristiano di Papa Francesco, neppure nel Vangelo si legge una parola per l'assistenzialismo.
2019-01-20 14:27:15
lo cercavano nel posto sbagliato nel loro paese e giusto e che non anno amore per la loro patria
2019-01-20 14:19:00
Anch'io volevo un futuro migliore negli Stati Uniti, in Canada, in Australia ecc...ma non mi fanno entrare ! Perchè il diritto ad un futuro migliore vale solo per quelli che vengono in Italia e non viceversa ?
2019-01-20 13:43:42
Nessuno vuole risolvere il problema alla base! la Nato dovrebbe inviare ,se veramente si vuol risolvere il problema Libia( e non solo) ,subito 300.000 uomini per stabilire ,una volta per tutte ,la situazione politica della Libia e degli altri paesi!!

QUICKMAP