Circolo Canottieri, fitti non pagati: è bufera, chiesti 50mila euro per conciliare

di Antonino Pane

1
  • 49
Per ventidue anni ha occupato i locali del demanio marittimo senza pagare il canone: il Circolo Canottieri nella bufera. Il presidente e il Consiglio direttivo si sono dimessi e i soci si spaccati tra quelli che vorrebbero regolarizzare la posizione e quelli che, invece, accampano una possibile acquisizione dello stabile per usucapione. Insomma ci sono tutte le premesse per una querelle dagli strascichi giudiziari. Al centro della vicenda c'è lo stabile occupato dalla Canottieri Napoli e i giardini circostanti. Immobili che in base ad una sentenza del 1996 sono di proprietà del demanio marittimo e non del Comune di Napoli che pure vantava un diritto di proprietà. Escluse, invece, tutte le aree in concessione alla Canottieri da parte dell'Autorità di sistema portuale, per le quali sarebbero stati corrisposti regolarmente tutti i canoni richiesti. Queste aree comprendono il porticciolo, la piscina e tratti di banchine che affacciano sul mare. Ma torniamo all'Agenzia del demanio e alla causa vinta nei confronti del Comune nel 1996.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 11 Febbraio 2019, 07:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-02-11 14:50:29
tutta gente "per bene" si fà per dire, questi sono peggio, cè gente che sono parassiti e imbroglioni

QUICKMAP