Drupi: «Su Mia Martini ipocrisia da str..., tutti si dicono suoi amici ma all'epoca la schifavano»

Martedì 26 Febbraio 2019
Drupi: «Basta ipocrisia su Mia Martini, tutti si dicono suoi amici ma all'epoca la schifavano»

Dopo i tanti omaggi a Mia Martini, e la messa in onda della fiction Io sono Mia, il cantante Drupi non ci sta e non usa mezzi termini per condannare i tributi all'indimenticabile collega da parte di chi, all'epoca, non aveva mai mancato di parlare male di lei. «C'è un limite all'ipocrisia dei brutti str...i che vantano amicizie immaginarie. Ormai è pieno. Ora tutti la conoscevano, tutti le erano amici. E cavalcano l'onda. Quando a frotte all'epoca, nell'ambiente, la schifavano», ha dichiarato Drupi in un'intervista a Oggi.

Claudio Bisio, mai più Sanremo: «In Rai clima pesante. Sui social mi chiamano 'sporco comunista'»​

«Mia Martini entrava in sala di registrazione e si toccavano gli attributi per fare gli scongiuri, oppure la chiamavano 'L'Innominabile'» - ha spiegato il cantautore, che oggi ha 71 anni - «Forse dovrei tacere per non fare anche io la figura di quello che... Ma è uno sfogo d'istinto che le devo"». L'intervista di Drupi a Oggi è stata riportata anche dall'Huffington Post.

Drupi ha poi rivelato alcuni ricordi, piuttosto datati, che lo legano a Mia Martini: «Era il 1973. Io, agli inizi, sconosciuto, bazzicavo la Ricordi a Milano, ma stavo quasi per mollare il colpo. Mia all'epoca era la regina dell'etichetta. Un giorno mi chiesero di incidere il provino del pezzo che lei avrebbe dovuto portare a Sanremo: Vado via di Riccardi-Albertelli. Alla fine però non se la sentì di andare e i discografici mi dissero: "Perché non ci mandiamo quel ragazzino che ha fatto il provino?"».

Ultimo aggiornamento: 19:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA