I furbetti con le targhe estere:
raffica di multe e rischio confisca

Venerdì 26 Aprile 2019 di Gianluca Sollazzo
Targa estera, fioccano le multe. In poco più di tre mesi scoperti 10 furbetti che guidavano un’auto con targa straniera per non pagare tasse di bollo e assicurazione. Sono nella maggior parte dei casi stranieri che però si trovano a Salerno da diverso tempo. La stretta della Polizia municipale arriva dopo il decreto sicurezza in vigore dall’1 gennaio scorso che ha introdotto misure severe per impedire il dilagare di coloro che usano lo stratagemma delle targhe estere per non pagare le multe, il bollo (e il superbollo) e di non preoccuparsi della revisione o di pagare l’assicurazione.

Nel capoluogo, a quanto si apprende, sono già dieci le super multe da 712 euro che hanno portato al fermo del veicolo non in regola. La circolazione con un veicolo immatricolato all’estero oltre il 60esimo giorno dall’acquisizione della residenza in Italia comporta una multa da 712 euro e l’immediata cessazione dalla circolazione del veicolo. Non solo. Nel caso in cui entro i successivi 180 giorni il veicolo non sia immatricolato in Italia o non sia tornato all’estero con foglio di via, è prevista la confisca. © RIPRODUZIONE RISERVATA