Commerciante ucciso a Viterbo, l'impronta di uno scarpone sulla testa rotta

Venerdì 3 Maggio 2019
Commerciante ucciso a Viterbo, l'impronta di uno scarpone sulla testa fracassata

Chi ha ucciso Norberto Fedeli di 70 anni, il negoziante di Viterbo trovato senza vita all'interno del suo negozio di abbigliamento, lo ha fatto con una ferocia inaudita. Gli investigatori hanno trovato la vittima in un lago di sangue. Aveva la testa fracassata, colpita più volte con un oggetto contundente che sarebbe stato ritrovato all'interno del negozio. Sulla testa della vittima il medico legale avrebbe repertato anche l'impronta di uno scarpone.
 

 

Una scia di sangue sul pavimento fa presupporre che Fedeli, dopo essere stato colpito, abbia tentato di trascinarsi verso la porta per chiedere aiuto, o per fuggire alla furia del suo carnefice. Per gli investigatori potrebbe trattarsi di un tentativo di rapina finito male, anche se per ora non vengono esluse altre piste.

Ad accorgersi che qualcosa non andava e a daer l'allarme sono stati i vicini del commerciante che avevano notato la porta d'entrata dopo l'orario di chiusura all'ora di pranzo ancora mezza aperta.

Ultimo aggiornamento: 18:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA