Terra dei Fuochi, l'Aeronautica
in campo per contrastare i roghi

Aeronautica militare con l'Esercito nel piano di azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti: lo prevede l'accordo di collaborazione firmato oggi a Palazzo Chigi tra Fabrizio Curcio, presidente dell'Unità di coordinamento del «Piano di azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti», e il Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica.

Scopo: ampliare la sperimentazione di monitoraggio ambientale anche agli Assetti a Pilotaggio Remoto (APR) e di allargare la platea dei beneficiari a tutti i firmatari del «Piano di azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti», avviato con il protocollo d'intesa firmato a Caserta lo scorso 19 novembre tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, i rappresentanti di sette Ministeri (ambiente, interni, sviluppo economico, difesa, salute, giustizia, sud) e la Regione Campania. Da oggi satelliti, aerei, droni, piattaforme terrestri e analisti dei dati immagine potranno cooperare in un sistema integrato denominato ISR (Intelligence, Sorveglianza and Ricognizione).

L'intervento dell'Aeronautica durerà per tutto il periodo estivo, tipicamente afflitto da grandi criticità per numero e grandezza di roghi, e mira a rafforzare e rendere sempre più efficace l'attività di cooperazione svolta da tutti gli attori coinvolti sul territorio a beneficio del territorio e dei cittadini. 
Giovedì 11 Luglio 2019, 19:14 - Ultimo aggiornamento: 11-07-2019 20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP