Alla Sanità apre «Sciò»: arte, food e cultura contro il degrado

ARTICOLI CORRELATI
di Giuliana Covella

0
  • 371
«Sciò», come l’omonimo album di Pino Daniele. Ma anche come espressione per allontanare il degrado e l’abbandono dei luoghi. Questo vuole essere il nuovo wine bar inaugurato in vico Buongiorno al Borgo dei Vergini. Un innovativo locale all’insegna della rigenerazione urbana, dove food, arte e cultura si sposano alla perfezione grazie all’intuizione di un gruppo di giovani soci, guidato dai fratelli Giuseppe e Luciano Giovinetti, a cui si sono uniti per il progetto architettonico Studiolibero Architettura con Pippo Pirozzi e Antonio Capone e, per il progetto grafico, Valeria Miele e Marco Oliviero.
 
 


Un’originale idea di ristorazione che si inserisce nel processo di riqualificazione sociale e culturale del quartiere. Vico Buongiorno, ormai noto per gli interventi di street-art, sarà infatti d’ora in poi un nuovo ambito pedonale: uno spazio di intrattenimento ed eventi, strappato al degrado in cui versava negli ultimi anni.
 


«Fino a poco tempo fa questo vicolo era una via di fuga per scippatori e rapinatori - dice Giuseppe Giovinetti, che è anche consigliere della III Municipalità - prima in questi locali c’era un negozio storico di frutta e verdura e quando lo abbiamo rilevato abbiamo avuto la difficoltà legata al fatto che avesse ancora come destinazione l’uso abitativo. Così ci è venuta l’idea di creare un altro punto di aggregazione nel quartiere. Tra l’altro vico Buongiorno era nell’ottocento il luogo prediletto dei briganti. Oggi invece rinasce in positivo».


Il nome Sciò è stato ispirato ai fratelli Giovinetti «sia da Pino Daniele sia da “sciò”, tipico modo di dire napoletano per scacciare le cose negative». All’inaugurazione, oltre al presidente della III Municipalità Ivo Poggiani, all’assessore alla legalità Carmela Sermino e ai consiglieri Luigi Laudati e Ciro Guida, il sindaco Luigi de Magistris, che afferma: «Sono contento di questo bell’investimento in un vicolo della Sanità, vicino via Vergini, che non è solo un’attività commerciale che apre, ma anche una rigenerazione del territorio, una riqualificazione. La vita di un quartiere si consolida anche attraverso l’intrattenimento, la cultura, il food. Quindi è un segnale importante. Del resto la Sanità è uno dei quartieri che maggiormente sta rispondendo a questa voglia di riscatto della città». 
Giovedì 11 Luglio 2019, 22:02 - Ultimo aggiornamento: 11-07-2019 22:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP