Pescara, ucciso per un parcheggio: caccia all'omicida in fuga col suv

Giovedì 11 Luglio 2019
Ucciso per un parcheggio: caccia all'omicida in fuga col suv

Un uomo di 56 anni è morto al culmine di una lite scoppiata, a quanto si apprende dalle prime informazioni, per colpa di un parcheggio. Secondo i carabinieri si tratta di omicidio preterintenzionale. Gli uomini dell'Arma stanno cercando una o più persone fuggite a bordo di un suv di colore chiaro. Il fatto si è consumato nella serata di giovedì a Pescara, in zona stadio. Inutile l'intervento del 118. Sul posto il sindaco Carlo Masci. Non sono chiare le cause della morte. 

Cuginetti di 11 e 12 anni travolti da un'auto pirata: uno è morto, l'altro è in condizioni disperate

Secondo alcune testimonianze raccolte da Il Centro la vittima avrebbe avuto un diverbio con un uomo più giovane, sui 20 anni. Il giovane stava parcheggiando una Renegade bianca in via della Pineta. Nel tentativo di fare retromarcia, il conducente dell'altra vettura ha cominciato a suonare, forse nel tentativo di avvertirlo per evitare che le due auto si scontrassero o per la contesa del posto.

A quel punto sono partite le urla, il 20enne è sceso dalla sua vettura facendo nascere un forte diverbio. Il 56enne, una volta ritornato nella sua macchina, è crollato a terra ed è morto. Il conducente del suv invece si è dato alla fuga ma poi è stato rintracciato e portato in caserma. Si tratta di un 20enne pescarese. In tarda serata i Carabinieri e il pm lo stavano ascoltando.

Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 09:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA