Napoli, immigrati aggrediti
​a sassate da una babygang

ARTICOLI CORRELATI
16
  • 459
Due immigrati originari del Bangladesh sono stati aggrediti da un gruppo di persone, probabilmente ragazzini, a ridosso del lungomare di Napoli. L'aggressione è avvenuta nella notte tra domenica e lunedì. I due immigrati, uno di 42 anni e l'altro di 39 anni, sono stati bersaglio di un lancio di sassi. Il 39enne ha avuto la peggio e ha riportato una frattura al volto: ricoverato all'ospedale Cardarelli in prognosi riservata, non è in pericolo di vita. Il 42enne è stato curato per contusioni e dimesso. Secondo quanto ricostruito dalla Polizia di Stato, il gruppo di aggressori sarebbe stato composto da 5 o 6 persone. Sono in corso indagini.

L' assessore ai «diritti di cittadinanza» del Comune di Napoli Laura Marmorale si è recata all' Ospedale Cardarelli per informarsi delle condizioni del ferito. L' immigrato - afferma il Comune di Napoli - «è stato assistito con generi di prima necessità nelle prime ore dai generosi familiari di altri pazienti mentre già in giornata operatori sociali del Comune provvederanno a consegnargli indumenti ed altri generi di conforto». «Non si può affermare con certezza che si sia trattato di un fenomeno di razzismo, ma sicuramente si è trattato di un grave atto di bullismo che si configura sempre come l'aggressione a chi è apertamente piu debole o è stigmatizzato come tale»- afferma - il sindaco Luigi De Magistris - ultimamente la propaganda di una certa politica ci consegna i migranti come le figure più marginali della nostra società. Gli saremo vicino in questi giorni anche avvalendoci del supporto dei mediatori linguistici culturali
».
Martedì 13 Agosto 2019, 12:14 - Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 09:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2019-08-14 02:04:01
PER de magistis NAPOLI E UNA CITA OSPITABILE !!
2019-08-13 19:36:23
Questo succede quando si fanno delle leggi che vietano di toccare un minore,anche se ti agredisce:Hai sempre torto e i minori adesso lo sanno e fanno quello che vogliono.In altri tempi avrebbero avuto paura di un adulto.Poi ci sono i noti romanzi tipo la paranza dei bambini e le puntate in tv che fanno il resto.Il risultato sono queste gang assatanate che si credono intoccabili.
2019-08-13 19:26:53
Le due vittime hanno un regolare permesso di soggiorno, come hanno scritto tutti gli altri giornali. Per quanto riguarda i responsabili del gesto criminale c'è un solo modo per arginare il fenomeno delle baby gang. Arrestarli , i fliggere loro una punizione esemplare e smetterla con la menata del recupero sociale. C'è niente da recuperare, costoro sono stati allevati ed allenati a delinquere del loro recupero non ci frega niente e di loro non sappiamo che farcene. Questa azione che hanno commesso è servita ad accreditarsi nel loro ambiente. Infine, per quello che riguarda la sicurezza in città, rivolgersi al prefetto.
2019-08-13 18:06:14
Cosa ci fanno ragazzini e ragazzine a mezzanoittre e oltre in giro per la città?Provengono sicuramente da famiglie poco degne e per nulla responsabili.Piccoli delinquenti che con ogni probabilità diventeranno criminali.Compito della società è sottrarli a questo destino.Bene fa il comune e i napoletani perbene ad essere solidali con le vittime.
2019-08-13 17:51:06
Come mai nessuno dice che avevano un regolare permesso di soggiorno

QUICKMAP