CORONAVIRUS

Coronavirus, Chi l'ha Visto torna dopo la quarantena. Federica Sciarelli: «Sileri è venuto in studio con la febbre»

Giovedì 26 Marzo 2020 di Silvia Natella
Chi l'ha Visto torna dopo la quarantena, Federica Sciarelli: «Sileri aveva la febbre ed è venuto in studio, le regole valgono per tutti»

Chi l'ha Visto? torna dopo la quarantena per il coronavirus, Federica Sciarelli: «Sileri aveva la febbre ed è venuto in studio, le regole valgono per tutti». È un inizio di puntata singolare quello di questa sera. La conduttrice ha voluto spiegare la pausa doverosa del suo programma e la scelta 'obbligata' di andare in onda di giovedì al posto del consueto mercoledì. Chi l'ha Visto ha osservato le due settimane di quarantena dopo aver ospitato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, risultato positivo al Covid-19.

Leggi anche > Coronavirus, la curva torna a salire: 662 morti e 4.492 nuovi contagiati. Oltre ottomila vittime in Italia​

«Andiamo in onda il giovedì perché questo era il primo giorno utile. Siamo stati espulsi e abbiamo deciso di rispettare le regole perché fino a ieri eravamo in isolamento precauzionale». Poi l'allusione al comportamento scorretto da parte di Sileri, che dopo aver incontrato Nicola Porro ha girato per molti studi televisivi. Inoltre, dopo il tampone non avrebbe avvertito personalmente la redazione del programma di Rai Tre.

«Lo ha comunicato in un post su Facebook a noi Sileri non ci ha avvertito. Abbiamo comunicato all'Asl e ci hanno detto che dopo questo incontro - non ravvicinato perché abbiamo rispettato la distanza - dovevamo stare a casa per 14 anni rischiando 12 anni di galera se andavamo a buttare la spazzattura», ha aggiunto.

E c'è di più. «Le regole vanno rispettate per tutti. Secondo il regolamento non doveva andare in tutti gli studi televisivi dove è andato per 14 giorni. In un'intervista precedente aveva dichiarato bruciore agli occhi e alcuni sintomi. Questo significa che Sileri aveva la febbre ed è venuto nel nostro studio», ha concluso. 

Ultimo aggiornamento: 23:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA