Delegazione della Nasa in visita
a Napoli Est per il progetto Irene

Venerdì 4 Ottobre 2019 di Dario Sautto
Una delegazione della NASA in visita a Napoli, nella sede del Polo Tecnologico “Fabbrica dell’Innovazione” di Gianturco. Questa mattina, la delegazione guidata dallo scienziato Donald Ellerby della NASA ARC-TSS, il dipartimento dell’agenzia che si occupa di sistemi di rientro dallo spazio, è stata in visita a Napoli Est.

L’obiettivo era la presentazione della tecnologia Irene, l’innovativo sistema di protezione termica e di aerofreno progettato e sviluppato dalla società consortile Ali di Via Gianturco 31, sede del Polo Tecnologico-Fabbrica dell’Innovazione, e dal Centro Italiano Ricerche Aerospaziale (Cira). Una sorta di «ombrello» realizzato con materiali innovativi grazie ad un progetto tutto napoletano, che mira alla conquista di Marte.

Ad accogliere gli ospiti c'erano Giovanni Squame, Presidente Ali; Marcello Spagnulo, Presidente della società Marscenter; il senatore Sergio Puglia, Segretario della Presidenza del Senato; l’onorevole Giovanni Russo, membro della Commissione Difesa della Camera. Con la visita della Nasa il Polo Tecnologico conferma il suo ruolo centrale sul territorio napoletano di catalizzatore delle attività di ricerca e sviluppo ed internazionalizzazione nel settore spaziale. Attraverso i suoi 1.200 metri quadrati di uffici, aree comuni e laboratori attrezzati, dove ospita importanti realtà imprenditoriali e start up, il Polo sta dando seguito alle linee guida del modello di networking tracciato con successo negli anni scorsi dal Polo High Tech di Napoli est, dando maggiore rilievo alle attività di ingegnerizzazione e pre-produzione.

«La visita della Nasa presso il Polo Tecnologico Fabbrica dell’Innovazione di Napoli Est - dichiara Marcello Spagnulo - è il frutto di un lavoro svolto da tempo ed è nel contempo un punto di partenza per avviare un processo di innovazione e di internazionalizzazione del tessuto di Pmi campane del settore aerospaziale. Puntiamo quindi nel breve periodo a tessere con la Nasa una relazione stabile che faccia crescere questa realtà».

«Per Ali - continua Giovanni Squame - la visita della Nasa è la testimonianza evidente della validità dei nostri programmi spaziali ed è la conferma delle grandi potenzialità di un'area della città, quale quella di Napoli Est, che va pienamente recuperata con investimenti pubblici allo sviluppo produttivo e alla moderna industria 4.0». © RIPRODUZIONE RISERVATA