Alghe e bucce, il packaging green al posto della plastica: la rivoluzione in entro il 2028

Mercoledì 21 Luglio 2021
Alghe e bucce, il packaging green al posto della plastica: la rivoluzione in aumento di 154 miliardi dollari entro il 2028

L'eliminazione della plastica come principale materiale per il packaging monouso è ormai un processo senza ritorno dopo l'abolizione dell'Ue, in vigore a partire dallo scrorso 3 luglio. Si cercano ora soluzione alternative che rispettino l'ambiente. Dalle alghe marine alle miscele con fibre di legno, dalle bucce d'avena ai funghi fino ai semi di cacao. Sono questi i nuovi materiali, tutti green e alternativi alla plastica, per il packaging del futuro. La rivoluzione del 'green packaging' è in forte crescita, e aumenterà a livello globale di 154 miliardi di dollari entro il 2028 (più 60% rispetto al 2021), raggiungendo un fatturato superiore a 413 miliardi; mentre in Italia le confezioni 100% riciclabili sono già cresciute dello 0,6% nel 2020.

«I nomi di chi inquina il mare casertano»

La tendenza- messa in evidenza da una ricerca pubblicata da 'Market watch' e da un'indagine dell'Osservatorio Gs1 Italy sul nostro Paese - in Italia viene sostenuta anche da Vitavigor (azienda italiana che sta investendo per rendere più green le proprie confezioni di grissini e snack), che ha ottenuto la certificazione Aticelca (dell'Associazione tecnica italiana cellulosa e carta). «Il trend della sostenibilità ambientale - osserva Federica Bigiogera, marketing manager di Vitavigor - iniziato ormai da diversi anni, è una delle strade principali da percorrere per il futuro, soprattutto per quanto riguarda i packaging dei prodotti alimentari».

Punta Campanella, ripulito il fiordo di Crapolla da plastica e rifiuti

«La sfida più grande per l'industria alimentare è identificare soluzioni che garantiscano le attuali elevate performance della plastica in termini di conservazione dei prodotti. La nostra risposta è un imballo innovativo per il nostro settore, 100% riciclabile nella raccolta della carta con una finestra che permette di vedere il prodotto». Questa la lista di alcuni dei materiali più innovativi utilizzati per i green packaging: alghe marine, carta riciclata, confezioni 'flow-wrap' per le pastiglie sanificanti, miscela di fibra di legno con nanoclay e lignina, plastica riciclata legata all'oceano, sottoprodotto dei semi di cacao, funghi, bucce di avena, plastica con enzimi incapsulati.

Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 10:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA