Piano Scuola 4.0: la didattica innovativa con Itaca in cinque regioni italiane

Itaca è la start up innovativa che lavora alla progettazione e realizzazione di prodotti formativi innovativi

Itaca
Itaca
Venerdì 2 Dicembre 2022, 11:43
3 Minuti di Lettura

Il Piano Scuola 4.0 entra nelle aule e le trasforma in spazi innovativi di apprendimento. A raccogliere la grande rivoluzione lanciata dal programma che con il Pnrr investe 2,1 miliardi di euro per la conversione delle classi tradizionali in ambienti digitali è Itaca (Pontecagnano, Salerno Campania), la start up  innovativa che lavora alla progettazione e realizzazione di prodotti formativi innovativi, grazie all’utilizzo della realtà virtuale, della realtà aumentata e della mixed reality con il supporto di un team di docenti di diverse scuole italiane. L’obiettivo è attingere ai punti di forza della didattica tradizionale e integrarli ai nuovi processi d’insegnamento ed apprendimento previsti dal Piano Scuola 4.0 con l’uso di visori e joystick di ultima generazione.

L’isola di Itaca è il simbolo dell'avventura e, al tempo stesso, della nostalgia di casa. Ed è proprio questo il carattere distintivo del progetto che ad oggi è presente già in cinque regioni italiane (Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia) con un operativo switch tecnologico che si prepara a coinvolgere gli istituti di istruzione superiore di tutta la penisola. Grazie alla collaborazione dei docenti si stanno implementando processi nei quali loro stessi assumono un ruolo nella formazione e crescita dei ragazzi e la tecnologia si fa supporto nella trasmissione dei saperi. Centrale è dunque la funzione pedagogica della figura dell’insegnante.

Tra i feedback raccolti, c’è quello della professoressa Enza Piccolo dell’Istituto di Istruzione Superiore De Titta-Fermi di Lanciano che ha collaborato alla realizzazione di It Science: «abbiamo lavorato per creare strumenti che davvero aiutino i docenti ad innovare il modo di gestire l'aula, entusiasmando e coinvolgendo di più gli studenti; strumenti che permettano di apprendere ciò che può essere problematico, pericoloso, oneroso apprendere nelle modalità di aula o laboratoriali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA