Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nasce il Polo Abilità Digitali
per supportare le ​Pubbliche Amministrazioni

Mercoledì 21 Settembre 2022
Nasce il Polo Abilità Digitali per supportare le Pubbliche Amministrazioni

Nasce il Pad, il Polo Abilità Digitali, ente associativo professionale fondato da un gruppo di giovani professionisti del settore dell'innovazione per supportare Pubbliche Amministrazioni e piccole medie imprese nel processo di trasformazione digitale utilizzando i fondi del Pnrr perseguendo la diffusione delle tecnologie con azioni mirate di formazione e comunicazione. L’iniziativa è stata illustrata nella Sala Caduti di Nassiriya di Palazzo Madama a Roma nel corso di una conferenza stampa moderata da Espedito D'Antó, giornalista esperto in digital marketing e comunicazione pubblica, nonché Vicepresidente del PAD che ha più volte sottolineato l'importanza di contenere il più possibile il diffondersi dell'analfabetismo digitale per arginare divari sociali e garantire opportunità a tutti.

«Abbiamo fondato il Polo Abilità Digitali - ha spiegato il Presidente del Pad Elia di Nardo - riunendo i professionisti esperti dell'innovazione e del project management perché i prossimi cinque anni saranno fondamentali per lo sviluppo economico del Paese. I fondi del PNRR rappresentano una grande opportunità e vanno utilizzati per la realizzazione di progetti mirati che devono coinvolgere tutti: istituzioni, imprese e cittadini». «Le nostre imprese e le nostre istituzioni - ha ricordato il senatore Lucio Malan - hanno la necessità di digitalizzare i processi e i fondi del Pnrr rappresentano una grande opportunità per il Paese purché vengano utilizzati bene, tenendo anche conto delle necessità dei piccoli comuni e prevedendo azioni di supporto nell'utilizzo delle nuove tecnologie per i cittadini».

Alla conferenza stampa hanno preso parte numerosi esperti di diversi settori che hanno esposto il loro punto di vista in tema di Pnrr e trasformazione digitale. Significativa la testimonianza del Presidente nazionale del sistema associativo di assistenza fiscale Fenalca che ha sottolineato il ruolo di supporto che le sedi Caf territoriali svolgono sui territori dando supporto ai cittadini. Mino Pignata, sindaco del borgo di Oliveto Citra  ha sottolineato l'importanza di un supporto per i borghi ed i piccoli comuni mentre il politologo internazionale George Lombardi ha ribadito la necessità dell'Europa di digitalizzarsi, Alessandro Iovino, come rappresentante Europeo del Museo della Bibbia di Washington DC, ha portato l'esempio della trasformazione dei testi cartacei in digitale, il dottore Massimo Iodice presidente della commissione Pnrr Odcec di Napoli ha dichiarato quanto sia importante la rendicontazione dei progetti e il controllo sul corretto utilizzo dei fondi. Infine Matteo Pitrelli, giovane Ceo di Ok Accedo, una società che ha sviluppato un'applicazione che mira a facilitare la navigazione dei disabili sui siti web favorendo l'accessibilità al digitale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA