Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scuole green: una sfida
per la rivoluzione energetica

Lunedì 21 Febbraio 2022
Scuole green: una sfida per la rivoluzione energetica

Concretamente quattro le fasi individuate nel manifesto per rendere gli istituti scolastici, di ogni ordine e grado, punti di riferimento per i cittadini per una rivoluzione energetica dal basso. In primo luogo, creare maggiore consapevolezza su questi temi attraverso l'organizzazione di workshop formativi del progetto Youth4planet, che con metodologie orizzontali e innovative, uniscono educazione non formale e momenti di azione concreta per far fronte alla crisi climatica, a partire dalla propria scuola e dal proprio territorio.

Il secondo step è dedicato alla consapevolezza e alla conoscenza del proprio peso climatico attraverso il monitoraggio sui consumi elettrici, termici e sul comfort climatico (audit scolastico). Segue la terza fase dedicata alla decarbonizzazione dell'Istituto attraverso lo sviluppo delle comunità energetiche rinnovabili e sostenibili (C.e.r.s) sfruttando i tetti degli istituti scolastici, con progetti a supporto che coniugano gli obiettivi di giustizia climatica e sociale.

Video

Uno strumento basato sull'autoconsumo e sulla condivisione dell'energia da fonti rinnovabili, in grado di portare risparmi in bolletta fino al 30% guardando al futuro e rispondere alle necessità delle fasce di popolazione più debole, come dimostra l'esperienza della prima Comunità energetica e solidale di San Giovanni a Teduccio a Napoli Est. Infine, avviare un percorso di efficientamento della scuola, anche grazie ai ricavi, ma anche utilizzando tutti gli strumenti incentivanti oggi esistenti, come il conto termico. Invece per l'energia comunque consumata dalla rete, scegliendo un operatore 100% rinnovabile certificato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche