Cyberbullismo e frodi informatiche
c'è l'avvocato del web

Mercoledì 25 Ottobre 2017 di Rossella Grasso

Ai tempi del 4.0 sono necessarie nuove figure professionali che sappiano aiutare le aziende a giostrarsi nel complesso sistema delle nuove tecnologie e in tutte le conseguenze che comportano. Una di queste è l'avvocato del web. Pierina Di Stefano, avvocato, ha capito che in questa fase c'è un gran bisogno di specializzazione e di studio sul world wide web, letteralmente, su quella rete di grandezza mondiale che ha fatto si che nascessero nuovi reati e pericoli per le aziende e per i singoli cittadini.

«L'Avvocato del web è quella figura di avvocato e consulente per aziende e per persone fisiche che devono affrontare delle problematiche legate ad internet», spiega Pierina Di Stefano. L'avvocato ha creato un marchio registrato di questa nuova figura proprio per far capire quanto, ormai, si tratti di una professione specializzata. L'obiettivo è anche di riuscire a fare rete tra professionisti di tutti i tipi che lavorano intorno al web, dall'avvocato al programmatore, dal digital PR al tecnico dei computer.

A cosa serve un Avvocato del Web? «Sono tantissime le sue applicazioni e i motivi per cui può essere utile la sua consulenza - spiega Di Stefano - Innanzitutto crea un'immagine web protetta, organizzando tutti i contenuti legali dei siti Internet, anche e-commerce, per i quali c'è bisogno di molte autorizzazioni specifiche, sempre più necessarie in virtù delle leggi che periodicamente vengono varate per regolamentare il web». In questo modo l'avvocato può far evitare cospique sanzioni.


Altro aspetto importante è la cura della reputazione sul web. Ai tempi dei siti internet e dei social network il monitoraggio e la tutela di singoli o aziende diventa fondamentale per evitare il pericolo che una cattiva reputazione possa danneggiare le attività. «L'avvocato del web si interfaccia con le figure dei digital PR-social media e communication managers così da intervenire tempestivamente in caso di minaccia di lesione della propria immagine sul web. 

Se il danno è fatto e la reputazione danneggiata, l'avvocato riabilita l'identità virtuale, ricostruisce cioè l'immagine online delle aziende e delle persone fisiche rimuovendo informazioni e contenuti negativi e diffamatori su motori di ricerca, testate giornalistiche, social network, blog, chat, community e altro. Inoltre, ha un ruolo importante nella gestione dei big data e gestisce il trattamento dei dati personali dell'azienda. «La gestione dei dati personali raccolti tramite il proprio sito on line non può essere sottovalutata, pena l'irrogazione di sanzioni civili e penali elevatissime». Basti pensare che il Regolamento Europeo della Privacy (679/2016) pone obblighi stringenti in materia e prevede, inoltre, per le aziende pubbliche e per quelle private che trattano dati sensibili su larga scala o, per loro natura, esposti a rischi specifici la figura obbligatoria del Data Protection Officer. Il mancato adeguamento entro il 2018 esporrà le aziende a sanzioni fino a 20 milioni di Euro.

Ma l'azione dell'avvocato del web non si limita alle aziende: «Risolve tutti i sinistri del web: cyberbullismo, cyberstalking, frodi informatiche, furto d'identità on line dell'azienda con richiesta di riscatto, contraffazione on line, tutela legale del software, tutela del diritto d'autore on line, consulenza in materia di cloud computing sono tutti reati nuovi che l'avvocato del web sa come fronteggiare».

Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre, 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA