Conservazione sostitutiva digitale
e blockchain, primo brevetto campano

Sabato 17 Aprile 2021
Conservazione sostitutiva digitale e blockchain, primo brevetto campano

Garantire un livello di sicurezza molto elevato nella trasmissione di documenti tra due parti, conservando a norma di legge i documenti e le transizioni e garantendo anche la tracciabilità di tutto il flusso su Blockchain. È questo l’obiettivo del sistema informatico di conservazione sostitutiva digitale e blockchain ideato dall’azienda Savino Solution fondata dall’ingegnere salernitano Nicola Savino, il primo di questo tipo con brevetto rilasciato in Italia e depositato in Europa. Con questo progetto l’azienda ha recentemente vinto il bando BrevettiPlus di Invitalia finanziato dal PON Imprese e Competitività 2014-2020, che permetterà di sviluppare un software capace di rendere le informazioni contenute nei documenti compliant a normative Italiane ed Europee (eIDAS).


Il CEO di Savino Solution Nicola Savino ha commentato così il prestigioso obiettivo raggiunto: «Siamo la prima azienda ad aver conseguito in Italia e depositato in Europa un brevetto per applicare la tecnologia blockchain alla conservazione sostitutiva documentale a norma. Questo sistema può rappresentare un ulteriore strumento di digitalizzazione dei processi nel nostro Paese, oggi precondizione essenziale per il rilancio dell’economia che seguirà questa crisi e al quale tutti i settori dell’impresa devono prepararsi adeguatamente. Procedure documentali ottimizzate e riduzione del rischio di contenzioso legale restano il fondamento di una buona organizzazione per imprese e Pubbliche Amministrazioni e, in questo senso, intendiamo porci come punto di riferimento nazionale, mettendo a disposizione il nostro know-how».

© RIPRODUZIONE RISERVATA