Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Big Data e intelligenza artificiale,
Graded partner premium di Digita

Martedì 26 Marzo 2019
Big Data e intelligenza artificiale, Graded partner premium di Digita

Punta su Big Data e intelligenza artificiale il nuovo project work che Graded, azienda partenopea attiva da 60 anni nel mercato della progettazione, realizzazione e gestione di impianti di produzione di energia ad alta efficienza, propone ai giovani talenti del secondo anno accademico di Digita. Un'edizione che vede la società di Vito Grassi «promossa» a partner «Platinum» dell'Academy nata dalla partnership tra l'Università di Napoli Federico II e Deloitte Digital, con la possibilità di illustrare un progetto di ricerca, caso di studio o di implementazione durante il secondo modulo del corso e di partecipare al Road Show finale.

Il fischio di inizio è fissato per il prossimo 5 aprile: in quella data Deloitte e le aziende partner Platinum di Digita presenteranno al pubblico e agli studenti i nuovi progetti di lavoro che partiranno ufficialmente il 15 aprile per concludersi il 15 luglio. Dopo il cruscotto di monitoraggio in remoto di impianti fotovoltaici, proposto lo scorso anno, gli studenti della nuova edizione dell'Academy dovranno misurarsi con il progetto di un sistema di supporto alle decisioni basato su intelligenza artificiale e big data.

«Con Digita continua il nostro impegno a puntare su risorse giovani e di talento, altamente qualificate, capaci di contribuire a delineare nuovi scenari - dice Vito Grassi, amministratore unico di Graded - I nativi digitali rappresentano una fonte di stimolo per lo sviluppo e l'innovazione delle aziende perché riescono ad adattarsi facilmente al contesto lavorativo e non hanno paura di trasformazioni e transizioni. Hanno soltanto bisogno di un ambiente che creda nelle loro potenzialità, in cui possano esprimersi liberamente e riuscire a portare innovazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA