Open innovation e mercato digitale:
nuove opportunità per gli innovatori

di Rossella Grasso

La Campania va sempre più al passo con i tempi e apre a due nuovi sgtrumenti per facilitare l'ecosistema dell'innovazione. A palazzo Santa Lucia sono stati presentate due piattaforme, Open Innovation Campania e il Mercato Digitale. Il motto è «burocrazia zero», perchè l'obiettivo è quello di rendere sempre più snello il rapporto tra imprese e pubblica amministrazione, in un modo semplice e soprattutto trasparente. I nuovi strumenti online della Regione sono stati presentati da Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, Valeria Fascione, assessore regionale all'Innovazione e startup, Ambrogio Prezioso, Presidente Confindustria Campania e dai vertici della società Soresa, deputata ai pagamenti per la Regione.

«Presentiamo la nostra piattaforma che utilizza il meglio delle tecnologie informatiche presenti oggi in Italia - ha detto De Luca - Approviamo due piattaforme informatiche. La prima mette in contatto il sistema delle piccole e grandi imprese della Campania. Siamo infatti  la regione con maggiore crescita di Startup al pari della Lombardia. Con questo strumento diamo la possibilità di immettere sul mercato decine di piccole imprese che sviluppano nuove tecnologie. Poi c'è la piattaforma gestita da Soresa per il Mercato Digitale. Offriamo così la possibilità a centinaia di piccoli comuni e alle aziende pubbliche di fare acquisti di servizi e di beni senza fare le gare con le procedure ordinarie ma acquistando direttamente sulla piattaforma elettronica, saltando tutti i passaggi burocratici e bruciando i tempi che altrimenti sarebbero lunghissimi. Mi pare un passo in avanti lunghissimo in termini di sburocratizzazione e in relazione alle piccole e medie imprese della Campania». Il sistema infatti permette la partecipazione alle gare non solo alle grandi imprese, ma anche alle più piccole, dando loro visibilità che altrimenti sarebbe difficile avere. Con la piattaforma Mercato Digitale anche le piccole realtà possono entrare in contatto con i Comuni e le amministrazioni che necessitano di beni e servizi.
 

«L'obiettivo è quello di semplificare la vita alle imprese e portare l'innovazione all'interno degli enti pubblici - ha detto Valeria Fascione - La piattaforma di Open Innovation consente un accesso facilitato all'innovazione e un matching tra domanda e offerta». La piattaforma, consultabile all'indirizzo openinnovation.campaniacompetitiva.it, è di facile accesso. Basta loggarsi e al suo interno si possono trovare le sfide lanciate dalle aziende a cui le PMI possono rispondere con le loro competenze. «Si tratta di vere e proprie richieste di innovazione che poi sono quelle del mercato - spiega l'assessore - a cui rispondo anche startup e singoli innovatori proponendo delle soluzioni. È così che si crea un link tra domanda e offerta e chi ha lanciato la sfida può scegliere la soluzione migliore alle proprie esigenze e si avvia direttamente il contatto». La piattaforma Open Innovation è già online per la consultazione e la creazione di gruppi di lavoro. Dai primi di marzo sarà possibile iniziare a lanciare le sfide.
Lunedì 5 Febbraio 2018, 13:47 - Ultimo aggiornamento: 05-02-2018 13:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA