Realtà virtuale all’Università: intesa
Mare digital ed Executive Mba ticinensis

Lunedì 26 Aprile 2021
Realtà virtuale all’Università: intesa Mare digital ed Executive Mba ticinensis

Lo storico ateneo pavese investe nelle più avanzate tecnologie formative e avvia una collaborazione con Mare Digital, società del Gruppo Mare specializzata nelle tecnologie abilitanti per l’Industria 4.0.

Il momento storico attuale richiede a governi e organizzazioni di agire con urgenza. Per questo motivo l’Università di Pavia, fondata nel 1361, e la Fondazione Alma Mater Ticinensis avviano la nuova edizione dell’Executive MBA Ticinensis improntandola ad un “rinascimento quantico” del sapere e della scienza, anche manageriale.

Secondo Stefano Denicolai, Direttore di EMBA Ticinensis e Professore di Innovation Management all’Università di Pavia, “c’è un disperato bisogno di ripensare i modelli didattici e trasferire in modo agile gli avanzamenti della scienza nei programmi formativi. Riteniamo necessario un nuovo Rinascimento che sfrutti la tecnologia digitale per ‘aumentare’ il talento umano e le capacità organizzative, senza timore di affrontare salti ‘quantici’.

In questo quadro, tecnologie come la realtà virtuale o la realtà aumentata - ci piace parlare di ‘cross-reality’ - devono però creare valore, oltre a generare stupore fine a sé stesso. Per questa ragione abbiamo creato un gruppo di lavoro multidisciplinare - a cavallo fra Università e imprese - che mira a progettare e sperimentare il modello didattico del futuro. In questo spirito, nel contesto di EMBA Ticinensis proponiamo formule diverse ed agili, in presenza e in remoto, fino al Lifelong Learning per gli Alumni. La formula prevalentemente in presenza l’abbiamo nominata ‘Full Dive’, termine diffuso anzitutto nella community videoludica per indicare un’esperienza immersiva ed estremamente coinvolgente.”

Sul fronte “virtual reality”, la collaborazione nasce anche sulla base dell’esperienza maturata durante il lockdown del 2020 da Giovanni Caturano, CMO del Gruppo Mare e docente del corso di Videogiochi e Realtà Virtuale presso Università degli Studi del Sannio. “A oltre un anno dall’inizio della pandemia – spiega Caturano – è arrivato il momento di considerare la reale potenzialità espressa dalle tecnologie del virtuale, non solo in sostituzione di attività attualmente impraticabili, ma come strumento e opportunità per superare i limiti del materiale in un’ottica collaborativa e creativa che non sarebbe realizzabile altrimenti.

Ho sperimentato questo tipo di interazione in un momento in cui era necessaria per superare i limiti dello schermo condiviso e inserire dinamiche spaziali nell’esperienza didattica, ma non bisogna vedere questo approccio come alternativo al materiale: per questo ho subito trovato grande sintonia con il progetto di UniPV che vede nell’approccio XR un’evoluzione destinata a migliorare i nostri rapporti e la nostra quotidianità in un contesto in cui il digitale sempre più pervasivo diventa finalmente visibile e interattivo nello spazio intorno a noi. La fiducia che l’Università di Pavia ha scelto di accordare al Gruppo Mare esprime questa consapevolezza, guarda al futuro e apre a nuovi scenari per tecnologie spesso attribuite esclusivamente a percorsi ingegneristici”. 

A margine della sessione formativa dell’Executive MBA che ha dato il via alla collaborazione sono stati stato presentati i membri della ‘Cross-Reality Teaching Squad’, gruppo di esperti che analizzerà l’efficacia delle soluzioni digitali e in particolare delle tecnologie immersive nell’ambito didattico. Il gruppo di lavoro è composto da (in ordine alfabetico):

●       Gabriella Bottini, prof.ssa di Neuropsicologia, Università di Pavia;

●       Marco De Rossi, CEO di WeSchool, esperto di distance learning;

●       Augusto Fazioli, Managing Partner di Arts & Inventio e Business Angel, esperto di tecnologie esponenziali;

●       Alberto Giacobone, CEO di Axura, esperto di comunicazione e di trend tecnologici di frontiera;

●       Alessandro La Volpe, Vice-Presidente IBM Italia, esperto di intelligenza artificiale;

●       Gerardo Salvato, ricercatore su temi di neuroscienze, Università di Pavia;

●       Mattia Salvi, CEO di Aryel e Project Leader Augmented Reality;

●       Giovanni Vizzarri, Producer di Mare Group e Project Leader Virtual Reality;

●       Antonella Zucchella, prof.ssa di Marketing, Università di Pavia.

Al termine della sessione l’Executive MBA ha sorpreso i corsisti - manager e dirigenti - regalando a ciascuno uno strumento di lavoro d’eccezione: un visore VR di ultima generazione che permetterà, tra le altre cose, di partecipare a sessioni collaborative e altre esperienze interattive co-progettate con Mare Digital e validate assieme al gruppo di lavoro nel suo insieme, con l’obiettivo di migliorare l’esperienza di apprendimento, coniugando atmosfera e punti di forza della lezione in presenza con le potenzialità delle tecnologie esponenziali. L’obiettivo è arrivare anche a stendere indagini di frontiera sull’argomento e - auspicabilmente - un vero e proprio Centro Studi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA