Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, nasce Terra Next: il programma
per le startup nel settore della bioeconomia

Mercoledì 16 Febbraio 2022
terra next

Nasce Terra Next, il programma di accelerazione per startup e Pmi innovative operanti nel settore della bioeconomia. Frutto dell’iniziativa di Cdp Venture Capital, il programma è parte della rete nazionale acceleratori Cdp, un network presente su tutto il territorio, con l’obiettivo di aiutare la crescita di startup specializzate nei mercati a maggiore potenziale. Terra Next vede la partecipazione di Intesa Sanpaolo innovation center in qualità di co-ideatore e promotore e il supporto di Cariplo factory che gestirà operativamente il programma.

Con una dotazione iniziale di circa 3,8 milioni di euro stanziati dal fondo acceleratori di Cdp Venture Capital oltre a circa 1,3 milioni stanziati da Intesa Sanpaolo innovation center e i partners, Terra Next è progettato su un asse temporale di 3 anni. Ogni anno verrà lanciato un percorso di accelerazione di 12 settimane con base a Napoli, nel quale le startup selezionate - fino a 30 nell’arco dei 3 anni -, avranno l’opportunità di crescere attraverso mentorship, formazione, networking e momenti di approfondimento frontale dedicati al consolidamento della value proposition e del modello di business, alla validazione tecnica e alla prototipazione delle soluzioni, al supporto al go-to-market e al fundraising.

Terra Next è rivolto alle startup e alle Pmi innovative che sviluppano soluzioni e servizi nel settore della bioeconomia, già eccellenza del made in Italy che vanta un valore della produzione di 317 miliardi di euro in Italia nel 2020, per accelerare competenze imprenditoriali e creare sinergie con soggetti industriali. Nel 2020, in Italia, il settore ha impiegato 2 milioni di lavoratori, il 7,9% dell’occupazione totale nazionale, valore che sale al 10,7% nel solo Mezzogiorno, rivelandosi quindi un settore ad elevata intensità di sviluppo per l’occupazione. Inoltre, sempre nel Mezzogiorno, la bioeconomia rappresenta quasi un quarto del relativo dato nazionale ed il 6,7% dell’economia totale dell’area.

Video

L’iniziativa prevede il coinvolgimento di partner istituzionali e scientifici, quali fondazione con il Sud, l’Università Federico II di Napoli, il Campania digital innovation hub e S.r.m. – studi e ricerche per il Mezzogiorno, oltre a primari corporate partner quali Pastificio Garofalo, gruppo Getra e gruppo Nestlé, Novamont, Aristea e Selepack che forniranno il loro know-how e le loro competenze per il positivo sviluppo dei programmi di accelerazione delle startup. Cariplo Factory, tra i principali innovation hub in Italia e da anni facilitatore nei processi di innovazione con startup e corporate, in collaborazione con l’Università Federico II ed il Campania digital innovation hub, gestirà il programma di accelerazione che sarà basato presso il campus di San Giovanni a Teduccio, polo tecnologico e uno degli ecosistemi dell’innovazione più importanti del nostro Paese.

Ultimo aggiornamento: 13:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA