Coronavirus, docente derisa sul Frecciarossa: «Non hanno anticorpi contro il razzismo»

Martedì 28 Gennaio 2020 di Cristiano Sala

Si chiama "sinofobia". Ovvero la paura e l'avversione verso le persone di etnia cinese. Se ne sta parlando in questi giorni, soprattutto dopo il "Coronavirus". La vicenda raccontata su Twitter mette i brividi, al solo pensiero che in Italia si possano vivere situazioni del genere. La denuncia è stata raccontata da Lala Hu, ricercatrice di Marketing presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ecco cosa ha scritto sul suo profilo: «Sul #Frecciarossa dopo aver tenuto una lezione ad Ancona, mi faccio strada nella carrozza per scendere. Alla mia vista, 2 passeggere ridacchiano e fanno commenti. Dico loro che sono ignoranti e dovrebbero vergognarsi. Si meravigliano che io possa capire e ribattere. Italia 2020»
 

Lala Hu trova il supporto dei residenti digitali, like e retweet per un argomento che la docente che si divide tra Milano, Venezia e Shanghai amplia così: «Non sono preoccupata per me o altri che hanno sviluppato anticorpi a #razzismo, ma per chi non ha strumenti per difendersi. In Altopolesine 2 fratellini non possono andare a scuola nonostante siano risultati sani perché i genitori compagni 'non vogliono bambini cinesi'».

Coronavirus, caso sospetto a Pistoia

L'argomento è, purtroppo, d'attualità. La professoressa di marketing ricorda altri casi apparsi nelle pagine di cronaca italiana: «Il giocatore 13enne di calcio a cui viene augurato di prendere il virus, la studentessa sul treno che riceve sputi e così via. Il dramma del #coronavirus preoccupa le persone di origine cinese come italiani e tutti, ma ciò non giustifica intolleranza e violenza di ogni sorta».

Ultimo aggiornamento: 16:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA