CORONAVIRUS

​Coronavirus Liguria, altri 10 casi ad Alassio: 16 in totale

Mercoledì 26 Febbraio 2020
​Coronavirus Liguria, altri 10 casi ad Alassio: 16 in totale

Ci sono altre 10 persone positive al coronavirus negli hotel di Alassio (Savona). In Liguria ci sono «16 positivi al momento. Uno è di Spezia, 15 provengono dal cluster di Alassio, dai due alberghi. Restano tre in corso di verifica e conferma, tutti e tre provenienti da Alassio». Lo ha detto il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, nel corso del punto stampa sul coronavirus.

Altri quattro casi di coronavirus in Liguria: sono tutti ospiti degli hotel di Alassio (Savona) messi in isolamento ieri (il Bel sit e l'hotel Al mare) dopo che una donna che vi soggiornava è risultata positiva al Covid-19. Lo ha annunciato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti in conferenza stampa, spiegando che «sono ricoverati all'ospedale San Martino, alcuni dei quali hanno sintomi molto lievi, nelle prossime ore i sanitari decideranno le terapie». C'è poi un altro caso di coronavirus a La Spezia: in tutto in casi liguri sono quindi 6.

LEGGI ANCHE Coronavirus, italiani bloccati a Tenerife: «Non ci hanno fatto nessun test»

Le condizioni dei due ricoverati ieri non preoccupano: il paziente ricoverato nel reparto di Malattie Infettive dell'Ospedale della Spezia è in buone condizioni generali di salute, senza febbre, non presenta sintomi respiratori, ha una lieve faringite e congiuntivite. L'uomo, 54 anni, era stato a Codogno. La paziente ricoverata nel reparto di Malattie Infettive del policlinico San Martino è in discrete condizioni generali, con moderati sintomi respiratori. Senza febbre, è stabile rispetto alla giornata di ieri. La donna, 72 anni, è una turista proveniente da Castiglione d'Adda e faceva parte della comitiva in vacanza ad Alassio.

LEGGI ANCHE Coronavirus, ultime notizie

«Il contagio di coronavirus ad Alassio è più serio rispetto al caso della Spezia. I turisti erano in città dall'11 di febbraio, stiamo eseguendo parecchi tamponi all'interno della comitiva, ora si tratta di capire come agire su quel focolaio», ha detto Giovanni Toti su La7. Toti conferma che le 146 persone che compongono la comitiva di turisti, a cui apparteneva la donna positiva al virus, sono sottoposte in queste ore all'esame del tampone. «Il contagio di coronavirus a Spezia desta poche preoccupazioni - ha detto -. Si tratta di una persona che si è auto indicata alla Asl, è ricoverata, sta bene, abbiamo rintracciato tutti i suoi contatti sociali, quindi siamo ragionevolmente tranquilli».

«In questo momento è chiaro che all'interno dell'albergo di Alassio dove per il momento abbiamo isolato 146 persone entrate in contatto con la signora degente all'ospedale San Martino, ci sono soggetti oggi asintomatici e negativi al tampone ma che tra due-cinque giorni potrebbero sviluppare sintomi da coronavirus», ha detto inoltre Toti su Canale 5. «L'unico strumento che serve in questo momento è la quarantena, ovvero l'isolamento dei possibili portatori o malati di coronavirus, il tema dei tamponi è un falso problema - ha detto -. La comitiva era ad Alassio dall'11 di febbraio, stiamo ovviamente ricostruendo tutti gli spostamenti per capire quanto è larga l'area che dobbiamo in qualche modo considerare una zona di possibile contagio seppure derivato».
 

Ultimo aggiornamento: 19:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA