CORONAVIRUS

Virus, il caso pakistani: in Italia possono ancora entrare ma è boom di contagiati

Giovedì 16 Luglio 2020 di Francesco Malfetano

Il Pakistan sta sempre peggio ma prova a nasconderlo. Oggi il Paese asiatico è il secondo per numero di casi di Covid19 registrati nell’area (256mila) e, davanti all’Italia, dodicesimo tra i più colpiti al mondo. Una situazione difficile che però sembra non preoccupare granché gli esperti internazionali perché, guardando all’incidenza del virus sulla popolazione (circa 221 milioni di persone), i numeri appaiono più confortanti: solo 24 morti per ogni milione di cittadini a fronte, ad esempio, dei 579 italiani o dei 662 britannici.

Coronavirus, due parrucchiere positive: «Grazie alle mascherine non hanno contagiato nessuno»

Coronavirus, studio sull'immunità dei bimbi: il segreto è la lattoferrina. Ecco la proteina che può contenere il contagio
 

IL QUADRO


Un quadro sanitario che tutto sommato appare accettabile date le condizioni e che ha permesso ai pakistani di continuare a spostarsi, senza che altri Paesi imponessero particolari limitazioni. È quello che è accaduto in Italia pochi giorni fa, quando il governo Conte non ha incluso Islamabad nella lista “nera” di 13 punti di partenza off limits. I numeri ufficiali però cozzano con la cronaca italiana degli ultimi giorni. Gli infetti a bordo dei barconi sbarcati a Pozzallo e Roccella Jonica, così come quelli sull’aereo arrivato dal Qatar, erano infatti tutti di origine pakistana. Nel Paese asiatico quindi sembra che qualcosa non stia funzionando a dovere e il numero di casi sommersi potrebbe essere elevatissimo. «Il Governo continua a sostenere che ci sia un calo del numero di casi positivi. Ma stanno ingannando tutto il mondo» ha spiegato infatti Bilawal Bhutto Zardari, presidente del Partito popolare pakistano (PPP) che nel corso di una conferenza stampa convocata martedì, ha voluto fare chiarezza su cosa starebbe accadendo in Pakistan.
 

DATI FALSATI


Secondo le opposizioni il governo ha ridotto il numero di test intenzionalmente per migliorare i risultati e quietare le preoccupazioni delle altre nazioni. D’altronde anche guardando ai dati ufficiali resi disponibili dall’esecutivo, il calo del numero di test è piuttosto evidente. Almeno il 30% in meno rispetto alla metà di giugno. Il giorno 15 del mese scorso infatti i tamponi effettuati in ventiquattr’ore erano stati circa 32mila, nella giornata di ieri invece ne sono stati effettuati appena 21mila. Numeri alla mano quindi, le autorità pakistane stanno sottostimando il tasso di infezioni registrate. Non solo, secondo alcuni esperti stanno anche controllando il bilancio delle vittime causate dal Coronavirus. Accuse pesanti che sono già state mosse il mese scorso da Atta ur Rahman. Vale a dire dal presidente della task force istituita proprio dal Governo. «I numeri effettivi saranno da due a tre volte più di quanto riferito» ha detto Rahman a Bloomberg quando i contagi nel Paese non avevano ancora raggiunto il picco di oggi. Non solo, l’esperto ha anche precisato come ragioni diverse dall’insufficienza respiratoria non vengano conteggiate nelle morti ufficiali. Un modus operandi rischioso su cui ora dovranno interrogarsi anche gli altri Paesi. 

 

Ultimo aggiornamento: 12:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA