Covid, l'Rt cresce a 0,83 e l’incidenza risale a 510: ma calano ricoveri e terapie intensive

Covid, l'Rt cresce a 0,83 e l’incidenza risale a 510: ma calano ricoveri e terapie intensive
Venerdì 11 Marzo 2022, 10:23
3 Minuti di Lettura

I casi Covid tornano a crescere e di conseguenza gli altri indicatori che riguardano il contagio e la trasmissibilità del virus. Il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute di oggi segna una risalita di indice Rt e incidenza settimanale ogni 100mila abitanti. I due dati – fondamentali per capire l'andamento del contagio – sono entrambi di nuovo in crescita. Non di molto, ma neanche di poco. L'Rt – che fornisce l''indicazione sulla trasmissibilità del virus – passa dallo 0,75 della scorsa settimana allo 0,83 di oggi. Aumenta l'incidenza settimanale a livello nazionale: 510 ogni centomila abitanti (4-10 marzo) rispetto a 433 ogni centomila abitanti (25 febbraio-3 marzo). 

Problemi al cervello dovuti al Covid? Lo studio cinese: rischio declino cognitivo tra i guariti

Aumenta anche l'incidenza settimanale a livello nazionale: 510 ogni centomila abitanti (4-10 marzo) rispetto a 433 ogni centomila abitanti (25 febbraio-3 marzo). A livello regionale la peggiore situazione si registra in Umbria dove questa settimana, l'incidenza dei casi di Covid rispetto alla media nazionale è quasi doppia rispetto alle altre Regioni: si registra infatti un valore di 993,4 casi per 100mila abitanti rispetto al valore nazionale pari a 510. Le altre Regioni che registrano le incidenze più elevate sono la Calabria con 780,7 e le Marche con un valore pari a 752 per 100mila abitanti. Segue la Provincia Autonoma di Bolzano con 723. 

Bollettino Covid Italia  10 marzo, 54.230 nuovi casi (in aumento) e 136 morti. Tasso di positività al 12%

Ma la notizia positiva è che continua a  scendere l'occupazione, da parte dei pazienti Covid-19, dei posti letto di terapia intensiva che, a livello nazionale, si attesta in media al 5,5% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 10 marzo) rispetto al 6,6% del 3 marzo.  Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale è invece al 12,9% (rilevazione  al 03 marzo) rispetto al 14,7% della settimana precedente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA