CORONAVIRUS

Coronavirus, il messaggio di speranza del medico di Codogno: «15 giorni di lotta, ma si può fare»

Mercoledì 11 Marzo 2020
Coronavirus, il messaggio di speranza del medico di Codogno: «15 giorni di lotta, ma si può fare»

Dal coronavirus si guarisce: anche se il numero dei decessi sale, soprattutto nella fascia di età più avanzata e con patologie pregresse, il messaggio di speranza viene da Andrea Lozzi, medico di famiglia di Codogno, la cittadina nel lodigiano tristemente nota alle cronache per il focolaio di Covid19, virus che nel giro di poche settimane ha rivoluzionato le nostre vite.

Leggi anche > Coronavirus, il 'paziente 1' Mattia ha iniziato a parlare: «Sono a Lodi?»

Ieri il medico ha potuto dire con soddisfazione a quattro suoi pazienti «ok, ce l'hai fatta, sei guarito» e stamane ha ripetuto la stessa frase ad altri due. «Questo è molto positivo. Ci vogliono 15 giorni di lotta ma si può fare. È dura, molto dura, ma si può fare», ha detto Lozzi sulla pagina Facebook aperta dai cittadini del comune lombardo, uno dei 10 che ha fatto parte della prima zona rossa istituita nella regione perché ritenuta il focolaio dell'infezione.
 


«Oggi poche richieste di visite domiciliari e nessuna nuova diagnosi di sospetta polmonite da COVID19. - precisa il medico - dico polmonite perché la differenza sta lì. Non è tanto importante dal punto di vista della salute sapere se sei positivo o no, se hai febbre considerati positivo e mettiti in quarantena. È importante sapere se hai una polmonite». Il dottore dopo aver dato le indicazioni per capire quando sospettare una eventuale polmonite conclude «Quello che voglio dire con questo post è che è dura, molto dura ma si può fare e le guarigioni di questi ultimi due giorni lo confermano. Buona vita». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA