Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Covid stronca una famiglia no-vax: 6 morti. La figlia: «Abbiamo perso tutto»

La prima vittima è stato il padre, la madre e i tre figli sono morti nel giro di un mese

Venerdì 4 Febbraio 2022
Covid, famiglia No-vax a Enna: in un mese muoiono tutti e 5

Erano tutti no vax e nel giro di un mese sono morti di Covid. È quanto accaduto a una famiglia di Pietraperzia, in provincia di Enna, tutti con la ferma convinzione di non vaccinarsi. Sono morti positivi al Covid, in poco più di un mese. Le vittime sono il padre 80enne, il primo a morire a fine dicembre, la madre di 78 anni, un figlio di 50 e le due sorelle di 55 e 52. 

Leggi anche > Pavia, neonato cade sui binari del treno: è grave

Il padre, prima vittima, è morto a casa dopo l'arrivo del 118, gli altri 4 sono deceduti all'ospedale Umberto I di Enna dove erano giunti, a fine dicembre in gravi condizioni. L'ultima deceduta della famiglia, la 52enne, è morta mercoledì 3 febbraio. 

«Siamo devastati. Abbiamo perso tutto». A parlare è Noemi, 25 anni, nipote della settantottenne, morta ieri mattina per covid. La nonna è deceduta a a poche ore di tempo dalla zia di 52 anni, entrambe all'Umberto I di Enna dove erano ricoverate dalla fine di dicembre. Noemi che ha perso, qualche giorno fa anche la madre, 55 anni, piange i sei membri della famiglia, e non cinque come si era appreso in un primo momento, uccisi dal Covid: i due nonni materni e la nonna paterna di 91 anni, la madre, la zia e lo zio, deceduto due settimane fa. Nessuno di loro era vaccinato. «Avevano paura - dice - c'erano stati amici e conoscenti che avevano avuto gravi conseguenze dal vaccino e, dunque, tutti avevano scelto di non farlo». «Questa tragedia familiare - dice Emanuele Cassarà, direttore sanitario dell'Umberto I - dimostra che l'unica arma per evitare conseguenze così nefaste è il vaccino». 

Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 11:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA