CORONAVIRUS

«No Green Pass, adesso basta»: sabato di manifestazioni in piazza in mezza Italia. Ecco dove

Venerdì 23 Luglio 2021
In tutta Italia manifestanti per protestare l'obbligo del green pass

Sarà un sabato anti - Green Pass il 24 luglio: è stata indetta una protesta in tutta Italia contro l'obbligo del certificato verde per svolgere alcune attività, con nuove regole per l'accesso a bar, ristoranti, cinema e altro ancora. 

 

Leggi anche > Zona gialla, nessuna Regione (per ora) cambia colore: ma due rischiano di più di lasciare la bianca

 

 

 

 

Impazzano anche sui social le pagine di protesta, come "No green pass adesso basta" tra le più attive, creata dal "Movimento nazionale no green pass".

 

La Worldwide demonstration ufficiale a Ostia, sul litorale romano, proprio sabato dalle 15, ma in tutta Italia sono state indette altre manifestazioni, per le 17.30 mirate proprio a contestare la misura che entrerà in vigore il 6 agosto. Presìdi sono previsti in tantissime città, da Roma a Genova passando per Firenze, Torino, Milano, Napoli, Bologna, Padova, Cagliari, Bergamo, Catania, Palermo, Reggio Emilia, Biella, Parma, Pescara, Varese, Ostia, Pordenone, Ravenna, Forlì, Lodi e Como.

 

A protestare contro il certificato verde anche diverse associazioni dai ristoratori agli organizzatori di matrimoni. "ll 40% degli esercizi a livello nazionale non ha aree esterne e 18 milioni di persone non sono ancora vaccinate. Sono 18 milioni di clienti che certe attività rischiano di perdere, così si riduce la domanda e si rischia di perdere una potenziale fetta di clientela che vale 18 milioni di persone – afferma Lino Enrico Stoppani, presidente di Fipe Confcommercio la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi analizzando l'impatto che il green pass potrebbe avere su ristoranti al chiuso e i bar –. Sono misure che creano un impatto economico, un impatto organizzativo e assegnano responsabilità individuali collettive alla categoria e che ritengo inefficaci".

 

Ma non sarà l'unica manifestazione contro il Green Pass. E' stata indetta anche per il 27 luglio alle ore 12.30 davanti al Ministero della Salute, una protesta organizzata dal gruppo Terapia domiciliare C-19, che include cittadini e medici che su Facebook hanno chiesto la terapia domiciliare tempestiva per il covid in ogni regione. La loro finalità è quella di «consegnare le sottoscrizioni della petizione indirizzata a Speranza e chiedere la partecipazione dei medici del consiglio scientifico del comitato nella revisione dei protocolli di cura domiciliare».

 

Ancora, un'ulteriore manifestazione "no green pass" ci sarà anche mercoledì 28 luglio. Come annunciato sui social dal "Comitato Libera scelta", a detta dell'AdnKronos, la manifezione potrebbe vedere gli esponenti della Lega in piazza del popolo a Roma. Lo slogan della protesta, da quanto si apprende dai social, è "Chi tace acconsente! Se anche tu sei contrario al green pass, ora è il momento di dimostrarlo". 

Ultimo aggiornamento: 24 Luglio, 08:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA