Messina Denaro, il medico indagato si candidò con Cuffaro. Il vero Bonafede ai pm: «Ci conosciamo da ragazzi»

Alfonso Tumbarello, 70 anni, faceva politica attiva: era il medico che aveva in cura il vero Andrea Bonafede

Messina Denaro, indagato il medico che lo aveva in cura: nel 2006 si candidò alle regionali con Cuffaro
Messina Denaro, indagato il medico che lo aveva in cura: nel 2006 si candidò alle regionali con Cuffaro
Martedì 17 Gennaio 2023, 13:50 - Ultimo agg. 19 Marzo, 00:35
4 Minuti di Lettura

Il medico che aveva in cura il finto Andrea Bonafede, che in realtà era Matteo Messina Denaro, era attivamente in politica. Alfonso Tumbarello, 70 anni, è indagato nell'ambito dell'arresto del superboss di Castelvetrano, latitante da 30 anni e catturato ieri in una clinica di Palermo: il medico è finito nei guai per aver fatto ad Andrea Bonafede, l'alias del boss, prescrizioni e l'accesso alle visite oncologiche.

Messina Denaro, perquisito il covo: «Abitava lì da sei mesi, è del vero Andrea Bonafede»

Messina Denaro, il giallo del selfie con l'infermiere. Indagato il medico che lo aveva in cura

Il medico candidato con Cuffaro

Tumbarello si era candidato nelle elezioni amministrative del 2011 a sindaco di Campobello Di Mazara (Trapani), appoggiato dalla lista del Popolo delle Libertà e ottenne il 7,55% dei voti superando la stessa lista che prese il 3,92%. Precedentemente, nel 2006, il medico si candidò alle elezioni regionali nella lista (Casini-Udc) collegata a quella regionale «Per la Sicilia Cuffaro Presidente» senza essere eletto.

In quelle elezioni Totò Cuffaro, attuale commissario regionale della Dc, condannato a 7 anni di carcere (scontati) per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra, venne eletto presidente col 53% dei voti battendo Rita Borsellino col 41% e Nello Musumeci col 5,2%.

Nel 2003 Tumbarello venne poi eletto nella lista Udc al consiglio provinciale di Trapani. Molte persone lo ricordano come un bravo pneumologo.

 

Il sindaco: «Medico è stimato da tutti»

Una persona riservata e un professionista stimato. Così a Campobello di Mazara, nel Trapanese, è descritto Alfonso Tumbarello, il medico 70enne che aveva in cura Andrea Bonafede, alias Matteo Messina Denaro, e che adesso è indagato nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Palermo che ha portato all'arresto dell'ormai ex superlatitante. «È stato il medico di base di tutti, un professionista stimatissimo in città», dice all'Adnkronos il sindaco della cittadina del Trapanese, Giuseppe Castiglione.  «Voglio pensare che sia rimasto vittima di un complotto a sua insaputa - aggiunge -, che abbia visitato il 'verò Andrea Bonafede e non Matteo Messina Denaro, magari ha visto esami che venivano presentati dal vero Bonafede ma che non appartenevano a lui. Sarebbe una grossa delusione se non fosse così». Un'ipotesi che in tanti in città avanzano, perché dietro la storia personale e professionale del dottor Tumbarello, che nel 2011 si candidò sindaco a Campobello di Mazara in quota Pdl non essendo, però eletto (ottenne, infatti, poco più di 600 voti), non ci sarebbero ombre. «Immaginare che tutti sapessero la vera identità di Messina Denaro e nessuno abbia parlato sarebbe davvero mortificante per tutto il territorio», conclude il primo cittadino. 

Andrea Bonafede parla con i pm

Starebbe parlando con i pm il vero Andrea Bonafede, l'uomo che ha «prestato» l'identità al boss Matteo Messina Denaro. Con i magistrati avrebbe fatto mezze ammissioni dicendo di conoscere il capomafia fin da ragazzo e di essersi prestato a comprare, con i soldi del padrino, la casa in cui questi ha passato l'ultimo anno. L'immobile, in pieno centro abitato, a Campobello di Mazara, risulta intestata infatti a Bonafede. Il geometra risulta indagato per associazione mafiosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA