Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Reggio Calabria, maxi rissa tra giovani sul lungomare. Il video choc: «È morto!» FOTO

Il sindaco Falcomatà posta il video su Facebook: «Vergogna, non c'è educazione. I genitori che riconoscono i figli denuncino»

Lunedì 1 Agosto 2022 di Valerio Salviani
Reggio Calabria, maxi rissa tra giovani sul lungomare. Il sindaco posta il video choc: «Vergogna»

Una maxi rissa tra giovani è scoppiata sul lungomare di Reggio Calabria, sabato sera. Decine di ragazzi si sono scontrati senza freni, tra calci, pugni e sedie scagliate addosso. Intorno solo curiosi, intenti a riprendere le scene con il telefono e nessuno che ha provato a calmare gli animi. Il tutto, a poche ore dal Pride, nel quale tutta la città si era unita per inneggiare all'inclusione e alla tolleranza. Non è il primo caso di rissa tra giovani a Reggio Calabria quest'anno. Il lungomare d'estate si trasforma nella via della movida, con i tanti locali che aprono sulla spiaggia. E di casi del genere se ne sono già visti.

 

Il sindaco: «Vergogna, aggressione barbara»

Più che una rissa, il video sembra una caccia all'uomo. Tanti, contro uno solo, che prova a scappare finché non viene accerchiato e riempito di botte. La scena viene ripresa da alcuni giovani, che commentano: «È morto, è morto». Il sindaco Giuseppe Falcomatà l'ha postato sul suo profilo Facebook, per denunciare l'accaduto. «Il nostro Lungomare in questi giorni è teatro di tante iniziative ed eventi, concerti, momenti di svago e di divertimento. Eppure c'è chi sembra non gradire e preferisce trascorrere il tempo in questo modo. Scene già viste purtroppo, evidentemente i messaggi educativi non bastano mai», scrive il primo cittadino.

«Ho sempre sostenuto che il compito delle istituzioni ed in generale delle agenzie educative sia quello di capire i motivi di questi episodi, di comprendere il disagio profondo che vi si nasconde. Ma a volte c'è poco da capire: evidentemente c'è chi, seppur giovanissimo, SCEGLIE proprio di esprimersi in questo modo barbaro, attraverso la violenza. Questa non è la nostra città, non è la Reggio che conosciamo. Non è quella Reggio inclusiva, tollerante, quella Reggio del dialogo e del rispetto delle regole, per la quale lavoriamo ormai da tanti anni».

Bilbao, urla e sputi alla polizia spagnola: «Sono italiano, non picchiarmi». Il video choc diventa un caso

Milano, choc alla stazione Centrale: ragazzo pestato a sangue, la scena ripresa in video

 

Il messaggio ai genitori: «È una questione di educazione»

«Non dite che ci vogliono le telecamere o i controlli, perchè qui è esclusivamente una questione di EDUCAZIONE - continua il sindaco Falcomatà -. Ai ragazzi protagonisti di questo video vorrei dire VERGOGNA, perchè quella che si vede non è semplicemente una rissa, ma un vero e proprio PESTAGGIO, tutti contro uno. E allora più che ai ragazzi io mi rivolgerei ai loro genitori: se io riconoscessi mio figlio in quelle immagini non ci penserei due volte ad accompagnarlo in Questura».

Ultimo aggiornamento: 15:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA