Daniele De Santis, l'assassino conosceva l'arbitro e la compagna. Le urla: «Andrea fermati!»

Mercoledì 23 Settembre 2020 di Erasmo Marinazzo
Daniele De Santis, l'assassino conosceva l'arbitro e la compagna. Le urla: «Andrea fermati!»

LECCE - Hanno accolto l’assassino in casa. Quel giovane con felpa nera e cappuccio calato e con guanti indossati che l’altro ieri sera ha dilaniato i corpi di Daniele De Santis e di Eleonora Manta a colpi di coltello da macellaio nascosto in uno zaino giallo. Il killer che si è introdotto con l’inganno nella casa al secondo piano del condominio al civico 2 di via Montello (fra il centro storico e la stazione ferroviaria) viene ricercato nella cerchia delle amicizie e delle conoscenze della giovane coppia salentina che in quell’appartamento si era trasferita proprio nella stessa giornata di lunedì.

LEGGI ANCHE Daniele De Santis, i sogni infranti di Eleonora che festeggiava la vittoria di un concorso. L'amica: «Ragazza straordinaria»

L’URLO
È italiano e ha un nome: «Andrea, fermati», l’urlo sentito da alcuni abitanti di quella palazzina. L’ultimo soffio di vita di Eleonora che poco prima aveva gioito mandando alla madre di Daniele una foto della pizza appena sfornata e mangiata a cena.
Una persona conosciuta, dunque, l’assassino. Ecco perché il procuratore capo Leonardo Leone de Castris e il sostituto Maria Consolata Moschettini hanno chiesto nella stessa serata di lunedì la presenza del consulente informatico Silverio Greco: negli smartphone delle vittime si cercano messaggi, telefonate e contatti.

LE TRACCE
Si cercano tracce dell’assassino per ricostruirne l’identità. Che di tracce ne ha comunque lasciate: come il bigliettino intriso di sangue trovato nel piazzale del condominio. Le testimonianze di alcuni residenti che lo hanno visto uccidere Daniele e scappare. E le immagini degli impianti di videosorveglianza che lo hanno seguito fino al sottopasso di viale Rudiae: l’assassino è stato inquadrato dalle telecamere con il volto nascosto dal cappuccio, il coltello ancora in mano mentre dall’ampio cortile del condominio si è allontanato da via Mondello verso via Martiri d’Otranto e da lì verso piazzale Rudiae per dirigersi poi nel sottopasso.

L’INDAGINE
L’indagine è condotta dalla Procura con i carabinieri del Nucleo investigativo e della Compagnia di Lecce. Si indaga per duplice omicidio aggravato dalla premeditazione. Non fosse altro perché un coltello capace di procurare ferite così ampie e profonde non viene certo portato in giro abitualmente. Ed anche perché i guanti indossati dal sicario avranno avuto lo scopo di non lasciare impronte digitali. 

Quell’uomo, insomma, ha architettato un piano per ammazzare a coltellate Daniele De Santis, 33 anni, di Lecce, arbitro del campionato di serie C di calcio; e la compagna Eleonora Manta, 30 anni, di Seclì, laureata in Giurisprudenza e funzionaria della sede di Brindisi dell’Inps da qualche settimana. Perché uccidere quella giovane coppia? È solo una coincidenza che l’assassino si sia presentato in quella casa il primo giorno in cui è diventata il loro nido d’amore? Si segue anche la pista passionale per dare risposta a questi dubbi e per chiarire la premeditazione. Per capire, ad esempio, se il killer avesse perso la testa per Eleonora e se la sua passione non fosse corrisposta.

LA CERTEZZA
L’unica certezza al momento è che fosse una persona conosciuta: per entrare in quel condominio è necessario farsi aprire il cancello elettrico pedonale. Ed in casa è entrato senza forzare la porta di ingresso. Le tracce di sangue trovate dai carabinieri, come anche le urla che hanno prima infastidito e poi allarmato i vicini, raccontano del litigio iniziato nell’appartamento al secondo piano appartenuto alla famiglia di Daniele.

LE VITTIME
Eleonora la prima vittima: il suo corpo esanime è stato trovato appena fuori la porta di ingresso. Il compagno è morto fra il pianerottolo di fronte e la scala che porta al primo piano, dove è stato trovato in una pozza di sangue e dove alcuni inquilini hanno visto il killer brandire il coltello.
Stamani sarà eseguita l’autopsia. Intanto prosegue la caccia al killer: identificarlo dovrebbe essere ormai questione fatta. Trovarlo è un’altra storia.

Ultimo aggiornamento: 17:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA