Elisa Pomarelli e le altre, 59 donne uccise dall'inizio dell'anno: «Serve riforma struttura»

Sos stalking, femminicidio Pomarelli fa salire il numero delle vittime a 59 dall'inizio dell'anno
ARTICOLI CORRELATI
Sono già 59. L'omicidio di Elisa Pomarelli, la ragazza di 28 anni uccisa a Carpaneto Piacentino, è solo l'ultimo, l'ennesimo, episodio di femminicidio di una donna diventata vittima di un uomo che si fidava e che dimostra la necessità di un intervento tempestivo e strutturale da parte delle istituzioni per risolvere il problema. L'appello viene lanciato oggi dall'associazione Sos Stalking che, attraverso le parole del suo presidente e fondatore Lorenzo Puglisi, che dice all'AdnKronos: «La nostra società è piena di persone a rischio, ragione questa che impone il dovere di fornire alle donne più strumenti per riconoscere le avvisaglie del pericolo per tempo». L'emergenza, di questo si tratta, deve mettere in cima alle priorità delle istituzioni competenti «la necessità di dotarsi di strumenti che possano funzionare non solo sulla carta. Prevedere nuove tempistiche per la gestione delle denunce, come avvenuto con il Codice Rosso, infatti, non è abbastanza perché non si tiene conto che l'intero apparato meriterebbe una riforma strutturale che passi anche attraverso l'assunzione di nuove risorse».

LEGGI ANCHE Femminicidio, che cos'è e perchè è diverso dagli altri omicidi

Piacenza, Elisa aveva detto a Massimo di essere gay


Sul caso Pomarelli, Puglisi commenta che «si è trattato di un amico ossessionato dall'idea di coltivare una relazione amorosa non corrisposta, segno distintivo della totale mancanza di empatia che spesso caratterizza soggetti con fragilità psichiatriche o psicologiche». La speranza è che tutto questo non cada nel dimenticatoio fino alla prossima tragedia, mentre il numero delle vittime continua a salire. 

«Chi uccide è sempre un assassino»: rabbia social per il titolo-choc sul femminicidio di Piacenza
 
 


 
Mercoledì 11 Settembre 2019, 13:11 - Ultimo aggiornamento: 12 Settembre, 17:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-09-11 17:36:32
A me questo fenomeno del femminicidio appare molto complesso. Possono anche inasprire le pene, anche gli ergastoli a tutti, ma non risolverebbe il problema. Una che commette un femminicidio è uno che ormai ha perso il senno. Invece io penso che la causa sia molto piu' antica. E' da ricercare nel rapporto e nelle diversità uomo/donna. Anche a me la maggior parte delle donne 'appaiono' come delle mantidi venali ed interessate. Ho scritto appunto "appaiono" forse seguono solo la propria natura di femmine dell'uomo, al quale il creatore ha affidato il compito della sopravvivenza della specie. Quindi la problematica va' affrontata con lo studio e l'insegnamento delle diversità sin dalle scuole elementari, in modo che da grandi sia l uomo che la donna affronta l'atavica guerra dei sessi con cognizione di causa e non da asini.

QUICKMAP