Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pordenone, esplosione in un magazzino: muore una donna di 64 anni, illeso ma sotto choc il marito

Mercoledì 16 Febbraio 2022 di Lorenzo Padovan
Pordenone, esplosione in casa: muore una donna, illeso ma sotto choc il marito. Il boato sentito a chilometri di distanza

Una donna è morta in seguito a una violenta esplosione avvenuta alle 6.30 di questa mattina, 16 febbraio, a Pinzano al Tagliamento (Pordenone) in un magazzino di vivande. I Vigili del fuoco di Spilimbergo hanno spento il rogo che si era sprigionato e hanno escluso il coinvolgimento di altre persone nella deflagrazione. Il marito della vittima che si trovava in un’altra stanza è rimasto illeso: sotto choc è stato il primo a lanciare l’allarme.


Il boato, avvertito a notevole distanza, ha distrutto un vano utilizzato anche come magazzino di una ditta che opera nel settore della distribuzione di bevande. Gli investigatori ipotizzano non sia scoppiato del materiale di produzione o imbottigliamento, ma si indaga sulla stufetta che la vittima usava per scaldare la stanza.

Video

La vittima

La vittima si chiamava Nelly Tramontin e aveva 64 anni. È la moglie del titolare dell’azienda dì vendita e distribuzione bevande dove si è verificato lo scoppio. I Vigili del fuoco hanno accertato che la deflagrazione  è stata provocata da una fuga dì gas: la donna ha acceso la luce dell’ufficio che era alimentato da una bombola e la scintilla ha innescato l’esplosione.

La stufa a gas

L'esplosione si è verificata in un edificio a due piani dove ha sede una azienda di distribuzione bevande composta da un deposito al piano terra e, adiacente, di un ufficio; al piano superiore, invece, c'è un appartamento dove viveva la vittima e il marito. A causare la deflagrazione sarebbe stata la stufa a gas in uso nel locale dell'ufficio. La stufa era rimasta accesa ma la fiamma si è spenta nel corso della notte; dunque il gas ha continuato a uscire dalla bombola, saturando l'ufficio. Quando all'alba Nelly Tramontin è scesa dall'appartamento all'ufficio, ha acceso la luce provocando l'esplosione. La donna è la moglie del titolare della bottiglieria e distribuzione bevande. Benché l'esplosione sia stata molto forte e avvertita tutto intorno in un'area molto vasta, la struttura del manufatto è molto solida, dunque il marito, che era nell' appartamento al momento dello scoppio, non è rimasto coinvolto. 

Ultimo aggiornamento: 13:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA