Caos procure, pg della Cassazione Fuzio si dimette: andrà in pensione

ARTICOLI CORRELATI
0
  • 114
Riccardo Fuzio si è dimesso. ​Il procuratore generale della Cassazione è stato stamani al Quirinale per incontrare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e comunicargli «la propria decisione di essere collocato a riposo anticipato». Fuzio ha promosso l'azione disciplinare nei confronti di Cosimo Ferri, che è deputato del Pd, ma ancora magistrato in aspettativa.

Palamara, il pg di Cassazione gli svelò notizie sull'inchiesta

Il procuratore generale della Cassazione, Riccardo Fuzio, «ha indicato come data» del suo collocamento a riposo anticipato «il 20 novembre 2019». È quanto si legge in una nota del Csm. «Il vicepresidente del Csm e il primo presidente della Corte di Cassazione - si legge nella nota - in considerazione della unicità ordinamentale della funzione esercitata dal procuratore generale in ambito disciplinare e quale componente di diritto del Csm, hanno chiesto che la data di collocamento a riposo tenga conto dei tempi per espletare la procedura di nomina del nuovo procuratore generale al fine di evitare che si determini discontinuità nella funzione di titolare dell'azione disciplinare obbligatoria».

Mattarella «ha preso atto della decisione del dott. Fuzio di presentare domanda di collocamento a riposo anticipato, decisione assunta con senso di responsabilità a conclusione di un brillante percorso professionale al servizio delle isitituzioni», si legge in una nota del Quirinale. Mattarella gli ha «espresso apprezzamento per il rigore istituzionale con cui ha assicurato il tempestivo esercizio dell'azione disciplinare in una contingenza particolarmente delicata per la magistratura».
Giovedì 4 Luglio 2019, 19:25 - Ultimo aggiornamento: 04-07-2019 19:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP