Verona, lite tra ex coniugi per la scelta della scuola: il giudice fa decidere il figlio di 11 anni

Giovedì 20 Maggio 2021
Verona, lite tra ex coniugi per la scelta della scuola: il giudice fa decidere il figlio di 11 anni

Il padre voleva per lui una scuola privata, per affinare l'inglese, ricevere il miglior insegnamento possibile e vedere il figlio impegnato sui banchi a tempo pieno. La madre, viceversa, preferiva che ad accoglierlo fosse un istituto pubblico, lo stesso frequentato dalle sorelle maggiori e in grado di garantirgli il tempo per le lezioni pomeridiane di musica.

TikTok, l'inglese si impara sui social: da Norma Cerletti a "The cool professor": ecco i profili da seguire


LA CORTE
Ma visto che marito e moglie, separati da tempo, non riuscivano a decidere una linea comune sul destino scolastico del figlio undicenne, il giudice ha stabilito che fosse proprio il ragazzino a disegnare la strada del suo futuro. E lui, senza tentennamenti, ha detto che voleva andare in una scuola media pubblica.
Il fatto è accaduto in un comune del Veronese: a dover dirimere la guerra dei Roses sulla collocazione scolastica del bambino è stato il collegio del Tribunale presieduto da Lara Ghermandi. Sul suo tavolo è arrivata la posizione del padre, che premeva per un istituto privato sottolineando «l'elevata qualità dell'offerta formativa e dei docenti, anche sotto il profilo della cura delle lingue straniere», come pure «l'attenzione per la didattica a distanza e la possibilità di avvalersi del tempo pieno». Ma anche la tesi contrapposta della madre, più colpita dalla scuola pubblica, dalle ragioni «di vicinanza e comodità dell'istituto perchè a poche centinaia di metri di casa» e, non ultimo, dalla «possibilità di avvalersi della disponibilità di competenze musicali e di orchestra», grande passione del piccolo. Alla fine a indicare la soluzione giusta è stato proprio il diretto interessato, convocato in Tribunale senza i genitori.

Bonus genitori separati, in arrivo assegno fino a 800 euro al mese


LE MOTIVAZIONI
«Sebbene non ancora dodicenne - scrive il giudice - ha saputo esprimersi con una naturalezza che ispira immediatamente simpatia». A dispetto dell'età, il ragazzino ha dimostrato di avere le idee chiare. Con «capacità di discernimento e maturità» lui stesso ha annunciato ai genitori di aver visto la presentazione di entrambi gli istituti ma di non avere dubbi sulla scelta. Ha detto di preferire la scuola pubblica indicata dalla madre per «la possibilità di mantenere i rapporti con i compagni delle elementari», ma anche per la comodità «di potersi recare a
scuola a piedi da solo».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento