Gallipoli, auto travolge due bici: muore turista 21enne. Conducente con precedenti per guida in stato di ebbrezza

Domenica 1 Agosto 2021
Gallipoli, auto travolge due bici: muore un 21enne. Conducente con precedenti per guida in stato di ebbrezza

Stavano tornando a casa in bicicletta dopo avere trascorso la nottata in un locale poco fuori Gallipoli quando sono stati falciati da un automobilista ubriaco che viaggiava a bordo di una Suzuki. Un giovane turista di Modena, Matteo Cassola, 21 anni, é morto mentre un suo amico e coetaneo è rimasto ferito. Non è grave, ha una lesione al braccio ed è stato medicato nell'ospedale di Casarano. L'investitore, anche lui rimasto ferito, e che si è fermato a soccorrere i due ragazzi, è risultato positivo all'alcoltest ed è stato denunciato per omicidio stradale. È di Gallipoli e, secondo quanto accertato dai carabinieri, non era la prima volta che si metteva alla guida dopo aver bevuto, tanto che ha dei precedenti per guida in stato di ebbrezza.

 

 

Travolti da un'auto mentre percorrevano la provinciale

 

L'incidente è avvenuto prima dell'alba, attorno alle 4 della scorsa notte in via Zacà , la via del vecchio cimitero che collega Gallipoli a Taviano. Si tratta di una zona fuori del centro abitato. I due giovani, in vacanza da qualche giorno a Gallipoli, avevano preso in fitto con degli amici una casa vacanza nella cittadina jonica famosa per la vita notturna estiva e dove la movida si protrae per tutta la notte. Avevano trascorso la serata in un locale e stavano rientrando a casa sulle loro bici quando l'auto è sopraggiunta alle loro spalle e li ha travolti uccidendo Cassola. Non è stato l'unico incidente mortale che ha coinvolto un giovane in Puglia. Nel tarantino, a Grottaglie, un giovane motociclista di 21 anni, Francesco Augenti, è morto ieri sera dopo essersi scontrato con un'auto ad un incrocio in pieno centro.

Conducente positivo all'alcol test e con precedenti analoghi

Sulla vicenda che ha insanguinato la notte gallipolina è intervenuto il dj Aniceto, uno dei dj ' anti sballò impegnati nel sociale che ha condotto campagne per la guida sicura. «Questa vicenda mi ha molto colpito...immagino lo strazio delle famiglie, a cui esprimo tutto il mio sincero cordoglio. Ogni qual volta una vita viene spezzata ammutolisco, in special modo, quando questo avviene per mezzo di un ubriaco al volante», afferma Aniceto secondo cui la pandemia ha fatto trascurare «la prevenzione, le problematiche giovanili, le dipendenze». Bisogna ricominciare ad investire in prevenzione e cultura della sicurezza, e farlo presto, «perchè il semplice 'Viverè è l'emozione più forte che si possa provare.Dopo, non serve essere duri quando ci sono di mezzo i morti».

Schianto in auto mentre torna dal lavoro: morto barman di 43 anni

Ultimo aggiornamento: 3 Agosto, 13:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA