Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marmolada, i ghiacciai italiani rischiano la chiusura? Dall'Adamello al Mer de glace, la situazione

Scomparso il ghiacciaio abruzzese: era il più a sud in Europa

Lunedì 4 Luglio 2022 di Paolo Ricci Bitti
Marmolada, i ghiacciai italiani più frequentati in estate: dall'Adamello al Mer de glace, addio al Calderone

Ghiacciai in Italia, dalla Marmolada sulle Dolomiti al Mer de glace del Monte Bianco: fosse stato scritto anche solo l'anno scorso l'elenco avrebbe incluso anche il Calderone, il ghiacciaio del Gran Sasso, il ghiacciaio più a sud in Europa che però già in questi giorni si è sciolto riducendosi da 5 ettari (50mila metri quadrati) a poche chiazze polverose che punteggiano la parte fra le quote 2.800 e 2.600 metri. Addio all'ultima traccia dei periodi glaciali del Quaternario. L'elenco attuale si limita allora solo alle Alpi, ma con segnali sempre più allarmanti. 

 

«Quest'anno è eccezionale per le poche precipitazioni e per il caldo, che ci fa registrare da uno a due mesi di anticipo rispetto alla normale fusione della copertura di manto nevoso e del ghiaccio in quota. Le previsioni ci dicono che ci aspettano ancora tre mesi di caldo, quindi l'evento avvenuto ieri sulla Marmolada, con il crollo di un intero seracco, potrebbe ripetersi con maggiore frequenza».  Così, il climatologo dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente della Provincia di Trento (Appa), Roberto Barbiero, coordinatore del Tavolo provinciale di coordinamento e di azione sui cambiamenti climatici.

«L'aumento di temperatura sulle Alpi è ormai un dato certo, con un indice di surriscaldamento doppio rispetto a quello medio globale. I ghiacciai sulle vette italiane, poi, sono più interessati dal fenomeno di riduzione rispetto a quelli sui versanti austriaci o svizzeri, perché maggiormente esposti al sole e ai flussi di aria calda. Ogni anno i nostri ghiacciai perdono massa non solo per una diminuzione delle precipitazioni nevose, ma anche per l'effetto delle estati particolarmente calde», ha detto Barbiero, precisando come molti ghiacciai registrino riduzioni di due terzi o, in alcuni casi, anche di tre quarti del volume rispetto alla massima espansione di fine Ottocento.

Ma quali sono i ghiacciai italiani più frequentati in estate dagli escursionisti? Quali potrebbero essere chiusi dopo quanto è accaduto sulla Marmolada? In realtà al momento, come vuole la logica, nessun ghiacciaio rischia di essere vietato ai turisti, a meno di condizioni meteo particolarmente avverse, ma ciò è sempre avvenuto come impone la prudenza.

A ogni modo i glacialogi temono che già entro il 2100 l'80% dei 903 ghiacciai italiani (Nuovo Catasto dei Ghiacciai italiani) sia condannato a sciogliersi anche perchè solo tre i ghiacciai italiani hanno con superficie superiore a 10 chilometri quadrati (10 milioni di metri quadrati): la Marmolada si ferma a 3,5 chilometri quadrati ed è in assoluto fra i ghiacciai più frequentati delle Alpi: non solo fa parte delle Dolomiti, ma presenta un'agevole via normale di salita.

Il più grande è quello dell’Adamello, tra Lombardia e Trentino, con i 16.4 chilometri,  Al secondo posto il ghiacciaio dei Forni (11.3 km) nell’Ortles-Cevedale poi quello del Miage (10.4) sul Monte Bianco.

Detto che ogni ghiacciaio così come ogni pendio di montagna va affrontato con prudenza e in base alle proprie capacità ve ne sono come quello dello Stelvio (Bolzano), dedicato allo sci estivo, che non presentano particolari pericolosità. Certo a patto di essere sempre bene equipaggiati, non come quei turisti incoscienti che purtroppo non mancano mai.

Imprudenza sui ghiacciai

Da qualche anno, poi, sul ghiacciaio del Presena (Passo del Tonale, Brescia) vengono usati teloni per rallentare lo scioglimento di manto.  

La mappa dei ghiacciai italiani

Fra i ghiacciai più frequentati in estate la rivista Trekking cita: 

Il Gran Paradiso (Valle d'Aosta) che la via Normale che porta alla Cima.

I ghiacciai del Monte Rosa (Valle d'Aosta): da Punta Indren a Punta Gnifetti

Monte Bianco (Valle d'Aosta e Francia) dal ghiacciaio del Miage al maestoso “Mer de glace”

Breithorn (Valle d'Aosta) vanta 5 vette oltre i 4mila metri.

Cevedale (Bolzano) con il Parco Nazionale dello Stelvio.

La Vedretta del Venerocolo dell'Adamello fra Trentino e Lombardia.

Paolo Ricci Bitti

Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA