Migranti, quasi 1.500 a Lampedusa: pressing Salvini su Draghi, verso cabina di regia

Domenica 9 Maggio 2021
Migranti, mille a Lampedusa: pressing Salvini su Draghi, verso cabina di regia

Sedici sbarchi e 1.489 migranti arrivati. Non si ferma l'ondata di approdi a Lampedusa. Dopo i primi 325, tra cui 11 donne, arrivati alle 4.10 del mattino, per tutto il giorno è proseguita la staffetta delle motovedette di Capitaneria di porto e Guardia di finanza con carrette del mare e barconi intercettati a poche miglia dalla costa. Intorno alle 14 erano già 1.186 i migranti approdati sull'isola. Arrivi record che, complici le condizioni meteo favorevoli, sono proseguiti nelle ore successive. Nel pomeriggio altri sette sbarchi hanno portato sulla più grande delle Pelagie, complessivamente 303 persone. A una prima carretta del mare con 47 uomini a bordo, sono seguite tre barchini con rispettivamente 35 persone (tra cui 2 donne e 2 minori), 19 tunisini (tra cui 4 minori non accompagnati) e 10 uomini, anche loro di nazionalità tunisina. L'approdo numero 14 ha fatto registrare l'arrivo di 89 uomini, mentre poco dopo un'altra piccola imbarcazione ha fatto il suo ingresso in porto con 18 tunisini. Gli ultimi ad arrivare sono stati 85 migranti tra cui 5 donne e 2 bimbi, che hanno fatto salire a 1.489 il numero complessivo di persone giunte in poche ore sull'isola. Un dato destinato ad aumentare già nelle prossime ore. 

 

Tutti, dopo un primo triage sanitario, sono stati condotti nell'hotspot di contrada Imbriacola, ormai al collasso. Per cercare di alleggerire la pressione sulla struttura, la Prefettura di Agrigento lavora ai trasferimenti. Per domani è previsto l'imbarco di 200 migranti sul traghetto di linea diretto a Porto Empedocle (Agrigento). Da qui saranno successivamente trasferiti in centri di accoglienza in provincia di Ragusa. Sull'isola, infatti, al momento non ci sono navi quarantena. Intanto, quattro migranti affetti da tubercolosi sono stati trasferimenti in elisoccorso all'ospedale di Caltagirone, nel Catanese.  


Il primo viaggio di Draghi a Tripoli - Ma se gli sbarchi non si arresteranno è plausibile che l'Italia riproponga il dossier flussi anche nei consessi europei, magari già al Consiglio Ue di fine maggio. Proporzionalità e solidarietà nella redistribuzione dei migranti sono concetti che Draghi, già diverse settimane fa, aveva non a caso sottolineato. Il dossier non riguarda solo la questione sbarchi. È un dossier che parte da lontano. Innanzitutto dalla situazione di endemica instabilità nel Sahel meridionale. A ciò si aggiungono le difficoltà che il nuovo premier libico Abdul Hamid Mohammed Dbeibah sta incontrando nell'affermarsi in tutto il territorio dello Stato nordafricano. Non è un caso che il primo viaggio all'estero di Draghi sia stato a Tripoli. E non è un caso che, recentemente, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio sia stato in missione in Mali, tra i bacini d'origine dei nuovi flussi di migranti. 

Guardia Costiera libica spara contro tre pescherecci italiani. Ferito il comandante dell'Aliseo

 

È necessario un incontro col presidente Draghi, con milioni di italiani in difficoltà non possiamo pensare a migliaia di clandestini (già 12.000 sbarcati da inizio anno, quasi 1.000 solo stamattina).

Pubblicato da Matteo Salvini su Domenica 9 maggio 2021

 

Il tema migranti posto da Di Maio - Lo stesso Di Maio, alla ministeriale degli Esteri del G7 di pochi giorni fa, ha posto sul tavolo il tema immigrazione. «L'Italia non può fare tutto da sola», è il concetto che, ricordano fonti vicine al ministro, il titolare della Farnesina ha ribadito ai suoi omologhi. Oggi ad attivarsi è stata la titolare dell'Interno Luciana Lamorgese. Il ministro, nel pomeriggio, ha sentito Draghi in vista della costituzione di una cabina di regia ad hoc a cui siederanno, tra gli altri, Di Maio, il ministro dei Trasporti Enrico Giovannini, il titolare della Difesa Lorenzo Guerini. Il 20 maggio, inoltre, Lamorgese sarà a Tunisi assieme al commissario Ue Ylva Johansson: sul tavolo ci sarà proprio il tema migranti. Il Viminale, in queste ore, segue con la massima attenzione una vicenda che va monitorata anche in chiave anti-Covid. Per ora le navi-quarantena bastano ma presto i bandi dovranno essere rinnovati. C'è un dato che, nel governo, appare evidente: il controllo delle coste come in Libia così in Tunisia si sta rilevando inefficace. E lo stesso, si spiega, avviene per le frontiere desertiche a Sud. A ciò si aggiungono le tensioni innescate dall'attacco di giovedì scorso della Guardia costiera libica a tre pescherecci italiani. 

Guardia Costiera libica spara contro tre pescherecci italiani. Ferito il comandante dell'Aliseo

Salvini all'attacco - E gli spari provenivano da una delle imbarcazioni donate dal governo proprio alla Guardia costiera di Tripoli, a testimonianza del caos che ancora regna in Libia. Con un corollario: la strada dell'Italia per accrescere il suo ruolo in Libia, complice l'influenza di Ankara e la freddezza dei Paesi del Golfo sul nuovo premier Dbeibah, resta in salita. A Palazzo Chigi, in queste ore, regna comunque la prudenza. Se Draghi porrà con forza il tema migranti a Bruxelles è ancora presto per dirlo, spiegano fonti di governo. Ma Salvini, intanto, passa all'attacco. «Con milioni di italiani in difficoltà non possiamo pensare ai clandestini», sottolinea il leader della Lega chiedendo un incontro a Draghi sulla questione. E nel pomeriggio l'ex ministro dell'Interno, sottolineano fonti della Lega, si scambia alcuni sms con Lamorgese auspicando un piano di interventi per evitare una escalation. Ma il messaggio politico di Salvini è chiaro: sui migranti, come è successo sul coprifuoco, non resterà a guardare. Anche perché, manco a dirlo, sul tema il pressing di Giorgia Meloni è alto: «serve il blocco navale», è la soluzione proposta dalla leader di Fdi. Soluzione che, difficilmente, sarà contemplata dal governo. In attesa del rinnovo del mandato di Frontex, al quale l'Ue sta pensando, è a un meccanismo più rigoroso di redistribuzione che Roma sta puntando. Nei prossimi giorni, oltre al Cdm atteso giovedì per allungare il coprifuoco e varare i nuovi sostegni, Draghi affronterà l'allarme sbarchi.

Ultimo aggiornamento: 10 Maggio, 11:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA