Alessia Pifferi, la figlia Diana morta di stenti uno o due giorni prima che lei tornasse a casa: nuovi dettagli emersi dall'autopsia

Secondo l'autopsia la bimba di 18 mesi sarebbe morta al massimo 48 ore prima del ritorno della mamma a casa

Alessia Pifferi, la figlia Diana morta di stenti uno o due giorni prima che lei tornasse a casa: nuovi dettagli emersi dall'autopsia
Alessia Pifferi, la figlia Diana morta di stenti uno o due giorni prima che lei tornasse a casa: nuovi dettagli emersi dall'autopsia
di Redazione web
Venerdì 11 Novembre 2022, 11:47 - Ultimo agg. 11:49
3 Minuti di Lettura

La piccola Diana è morta un giorno o due prima che ritornasse a casa la madre, Alessia Pifferi. Erano sei giorni che la bimba era da sola in casa a Milano, quando Pifferi ha fatto rientro nell'appartamento tra il tardo pomeriggio del 14  e la mattina del 20 del luglio scorso. Quando la donna è tornata in casa, sua figlia di appena 18 mesi era immobile, ormai senza vita. Secondo l'autopsia eseguita sul cadavere della neonata, Diana era già morta al massimo 48 ore prima del ritorno di sua madre, come già era emerso nelle prime fasi delle indagini.

Malore dopo la rapina, ristoratore muore a 64 anni: spaventato a morte da un cittadino marocchino 'armato' di bastone

 

Morta di stenti

La bimba, secondo i medici che in questi mesi hanno eseguito analisi specifiche, sarebbe deceduta di stenti, per disidratazione, considerato il grande caldo durante la scorsa estate. Ma non si esclude che nuovi dettagli possano fornire una collocazione temporale ancora più precisa, riguardo alla morte della piccola Diana.

Ragazzino di 14 anni trovato morto in casa da mamma e papà: la Procura apre un'indagine, non esclusa la pista del bullismo

 

 

Ansiolitici per zittirla

Alessia Pifferi per sedare sua figlia e non farla sentire dai vicini di casa, ha usato ansolitici prima di abbandonarla come è emerso dagli accertamenti tossicologici; dopodiché la donna - trattenuta in carcere da 4 mesi con l'accusa di omicidio volontario aggravato - è andato a casa del compagno, che non è il padre della bimba, lasciandole solo un biberon di latte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA