Milano, boom di rapine: «Nel 2022 aumento reati su strada»

Milano, boom di rapine: «Nel 2022 aumento reati su strada»
di Simona Romanò
Venerdì 14 Aprile 2023, 08:07
2 Minuti di Lettura

A Milano sono aumentati nel 2022 gli indagati, gli arrestati dalla polizia e i soggetti controllati. Boom di rapine, ma tanti anche gli scippi e i furti. «Un aumento deciso che ci preoccupa riguarda i reati predatori di strada. È il dato che balza di più agli occhi», ha commentato, ieri, il questore Giuseppe Petronzi, alla vigilia delle celebrazioni, a Milano, del 171esemo anniversario di fondazione del Corpo. È un fenomeno, però, di fronte al quale, «stiamo cercando di dare maggior dinamismo» alle nostre attività. La cronaca nera milanese parla anche di aggressioni e di risse. E i luoghi più a rischio microcriminalità spesso ricorrono: San Siro, Lorenteggio, via Padova, Loreto. Non solo. Anche i luoghi della movida, come corso Como, e il centro per le numerose razzie di Rolex e di orologi di pregio ai polsi di milanesi e turisti facoltosi. Razzie alle quali la polizia, di recente, ha posto un freno sgominando diversi bande, anche di ladri "trasfertisti" arrivati da Napoli.


MANETTE Per quanto riguarda gli arresti, a Milano, sono stati 4.368 con un incremento del 14,5%; gli indagati sono stati 15.366 con un più 14,6%; i documenti controllati alle persone fermate sono stati 553.920 (+ 14,34%). «È, di fatto, la conferma del nostro impegno sul territorio», ha spiegato Petronzi.
SOS RAPINE Sono aumentati notevolmente gli arresti per rapina, che sono stati 33, con un incremento del 22,2% nel 2022 rispetto al 2021.

Intensa anche l'attività della polizia postale che ha monitorato oltre 11mila siti, sia per l'antiterrorismo che per il contrasto alla pedofilia.


IMMIGRAZIONE Sul fronte dell'immigrazione, ha sottolineato Petronzi, «abbiamo numeri altissimi: quasi mezzo milione di cittadini regolarmente residenti sul territorio e abbiamo rilasciato circa 10mila permessi di soggiorno per l'emergenza ucraina». Inoltre, «siamo quasi sicuramente la questura che tratta il maggior numero di pratiche per coloro che vedono nel nostro Paese una nuova prospettiva: mi riferisco alla protezione internazionale». E qui si pensa alle resse nelle sede distaccata dell'Ufficio stranieri in via Cagni, dove si ammassavano, creando disordini (prima del sistema di prenotazione on-line), oltre 500 stranieri ogni giorno di apertura.


PASSAPORTI «Ne realizziamo circa 5mila alla settimana, soddisfacendo anche le richieste, oltre a quelle di chi ha prenotato, di chi ha emergenze particolari che sono circa 200-250 al giorno», ha concluso il questore.


riproduzione riservata ®

© RIPRODUZIONE RISERVATA