Milano choc, clochard trovato morto davanti all'ospedale: investito da due camion dei rifiuti. Indagati gli autisti

Sabato 28 Novembre 2020
Trovato morto davanti al pronto soccoso: forse investito e abbandonato davanti l'ospedale

Milano choc. Saranno indagati i due conducenti Amsa del camion della nettezza urbana per l'omicidio stradale del clochard romeno di 71 anni che questa mattina è stato trovato morto davanti all'ospedale Fatebenefratelli di Milano. Le immagini delle telecamere dalla zona hanno filmato 2 mezzi dell'Amsa che, in diversi momenti (poco prima di mezzanotte e alle 4) passano sul corpo coperto di cartoni davanti all'ingresso della struttura in via Castelfidardo. I due conducenti non sono stati ancora ascoltati dal pm Paolo Storari, che coordina l'indagine della Squadra mobile. L'impressione degli investigatori è che gli uomini alla guida dei mezzi della «Azienda Milanese Servizi Ambientali» non si siano accorti dell'impatto, ma dovranno comunque spiegare la manovra con passaggio sul marciapiedi con cui hanno travolto il senzatetto.

 

 

 

I due conducenti non sono stati ancora ascoltati dal pm Paolo Storari, che coordina l'indagine della Squadra mobile. L'impressione degli investigatori è che gli uomini alla guida dei mezzi della "Azienda Milanese Servizi Ambientali" non si siano accorti dell'impatto, ma dovranno comunque spiegare la manovra con passaggio sul marciapiedi con cui hanno travolto il senzatetto. Le immagini delle telecamere, infatti, hanno filmato due mezzi dell'Amsa che, in diversi momenti (poco prima di mezzanotte e alle 4) passano sul corpo coperto di cartoni davanti all'ingresso della struttura in via Castelfidardo

 

 È l'investimento accidentale l'ipotesi per ora più accreditata dagli investigatori per spiegare il caso del clochard rumeno di 71 anni trovato senza vita questa mattina davanti all'ospedale Fatebenefratelli di Milano. Il corpo dell'uomo presentava diversi traumi riconducibili o a un violento pestaggio o all'investimento da parte di un'auto ed era nascosto sotto alcuni cartoni. La polizia, che avrebbe escluso il pestaggio, sarebbe orientata a ritenere che, nel buio della notte, un automezzo lo abbia schiacciato senza accorgersene. Tra l'altro, il corpo dell'uomo si trovava vicino a un carraio, quindi a un passaggio dove transita chi scarica materiale o raccoglie rifiuti. Al momento, sono ancora al vaglio della squadra mobile i filmati delle telecamere e i rilievi necessari dureranno ancora qualche giorno: sono stati individuati, apprende l'Adnkronos, quattro mezzi, di cui un camioncino dell'Amsa (la società che gestisce lo smaltimento dei rifiuti a Milano) passati nei pressi della zona durante la notte, ma non è ancora chiaro se e quale di questi possa averlo investito. Al momento, non c'è nessun indagato e nessun interrogatorio. L'uomo era sconosciuto alle forze dell'ordine: secondo alcuni testimoni da tempo dormiva davanti all'ospedale.

 

 Amsa è a disposizione dell'autorità giudiziaria per «far luce su quanto accaduto» nella notte tra venerdì e sabato, a Milano. Lo fa sapere l'azienda controllata da A2a che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti a Milano, a proposito della morte del clochard avvenuta nei pressi del Fatebenefratelli, in via Castelfidardo. Il furgone dell'Amsa è tra i quattro identificati dalla polizia che sono transitati nei pressi del carraio dove si trovava l'uomo, deceduto per traumi da schiacciamento. Amsa esprime «profondo cordoglio ed è in attesa »di conoscere gli esiti degli accertamenti in corso«. 

Ultimo aggiornamento: 19:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA