Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morto per Covid in un mese a 52 anni: «Carlo era sportivo e non aveva malattie»

Lunedì 11 Gennaio 2021
Morto per Covid in un mese a 52 anni: «Carlo era sportivo e non aveva patologie»

Da un mese era ricoverato all'ospedale di Cittadella a causa del Coronavirus. Nessuna patologia, fisico sportivo. Le sue condizioni sono state altalenanti, ieri, improvviso, fatale, il tracollo. Abitava a Carmignano di Brenta e aveva 52 anni Carlo Stocco. Lascia tre figli, Sara, Andrea e Filippo rispettivamente di 27, 23 e 18 anni, la compagna Barbara e da otto mesi il suo grande orgoglio: il nipotino Nicolò che lo aveva reso giovane nonno. Ancora una vita davanti a lui che purtroppo il virus ha rubato agli affetti delle persone care ed ai tanti che lo conoscevano.

Covid, morto "Doc Fil" medico del 118 di Modena. La lettera del fratello: «Era un angelo custode, non mollava mai»

Chi era

Carlo Stocco lavorava a Bolzano Vicentino alla Cef, azienda che distribuisce farmaci, ed era molto noto nel settore calcistico della zona. La sua grande passione era proprio il calcio. Era tifoso della Juventus, si era distinto in campo fin da giovanissimo con il ruolo di trequartista, ed era riconosciuto essere un gran mancino, impegnato anche in panchina come allenatore di società del territorio a cominciare da quella di casa, il Carmenta Calcio. «Era superattivo, non aveva nulla, questo virus non guarda proprio in faccia a nessuno - racconta sconvolta Sara, neo mamma - Mio fratello Andrea oggi (ieri, ndr) alle 13 era andato per salutarlo mai ci saremmo aspettati fosse stata l'ultima volta». Sempre ieri un altro decesso per Coronavirus, un uomo di 65 anni abitante a Grantorto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA