Strage del Mottarone, giornalista morto per un malore sui sentieri dove è precipitata la funivia

Martedì 25 Maggio 2021
Strage del Mottarone, giornalista morto sui sentieri dove è precipitata la funivia

Un giornalista è morto seguendo la tragedia della funivia del Mottarone. L'uomo, sulla cinquantina, è un cineoperatore. Per girare le immagini che stiamo vedendo in questi giorni, a piedi, si era avventurato sui sentieri che portano sul luogo dove è precipitata la cabina della funivia del Mottarone ed è stato stroncato da malore. Inutile il tentativo di rianimarlo.  Ancora non si conosce il nome nè la testata per cui lavorava. Lo si apprende dal 118.

Incidente funivia Mottarone, impianto in grave degrado: la concessione revocata e poi restituita dopo 5 anni

Funivia Mottarone, Hesam l'ingegnere gelataio. «A Roma aveva un futuro»

L'operatore tv è morto per un sospetto arresto cardiaco, avvenuto in prossimità del luogo dell'incidente alla funivia. Sul posto era presente il personale del soccorso alpino della guardia di finanza, che ha provveduto con le prime manovre di rianimazione cardiopolomonare. In seguito è giunta l'eliambulanza del Servizio di Elisoccorso Piemontese, la cui equipe sanitaria ha proseguito le operazioni di rianimazione fino alla constatazione del decesso. È in corso il recupero della salma da parte delle squadre a terra del Soccorso Alpino della stazione di Omegna.

 

Ultimo aggiornamento: 13:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA