Reddito di cittadinanza e domiciliari a ex brigatista rossa Federica Saraceni condannata per l'omicidio di Massimo D'Antona

Domenica 29 Settembre 2019

L'ex brigatista rossa Federica Saraceni, condannata a 21 anni e sei mesi per l'omicidio del giuslavorista Massimo D' Antona, dal 2005 è ai domiciliari e dallo scorso agosto riceve il reddito di cittadinanza, un assegno da 623 euro, nonostante tra i requisiti per ottenerlo ci sia quello di non essere sottoposti a misura cautelare personale.

Morto a Roma Antonio Marini, pm antiterrorismo

Tra le condizioni ostative, come rileva La Verità, il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, anche quella di essere stati condannati in via definitiva nei dieci anni precedenti la richiesta per reati gravissimi ma da questo punto di vista l'ex Br, figlia di uno dei fondatori di Magistratura democratica, l'ex toga rossa Luigi Saraceni poi passata alla politica ed eletto in Parlamento con Ds e Verdi, è in regola: la sentenza definitiva della Saraceni risale infatti al 28 giugno 2007.
 

Anche se, sottolinea il giornale, «non è facile comprendere come le sia stato possibile ottenere dai domiciliari un assegno che dovrebbe essere propedeutico alla ricerca di un impiego», tanto che «nei prossimi giorni - rileva la Verità - dovranno darne spiegazione quel ministero del Lavoro (con cui collaborava il docente giuslavorista quando venne assassinato a Roma a 51 anni il 20 maggio 1999) che ha ideato la misura e l'Inps che eroga il sussidio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA