Reddito di cittadinanza, imprenditrice cerca 16 operaie: «Non le trovo, preferiscono l'assegno»

Venerdì 10 Gennaio 2020
Reddito di cittadinanza, imprenditrice cerca 16 operaie: «Non le trovo, preferiscono l'assegno»

Impresa delle pulizie cerca sedici operaie ma non riesce a trovarle. In molte si sono presentate ai colloqui ma c’è chi preferisce lavorare pochi mesi e poi prendere la disoccupazione o chi in nero per non perdere il reddito di cittadinanza. Mikela Group srl è un’azienda nota a Senigallia, in provincia di Ancona, che si occupa di pulizie in vari settori. A fondarla è stata Mihaela Rujoiu, ex consigliere straniero aggiunto. È arrivata dalla Romania nel 1991. Ha iniziato subito a lavorare come donna della pulizie, pur avendo studiato nel suo Paese. 

Il reddito di cittadinanza ritarda, marocchino 39enne sfascia l'ufficio postale a Padova

Reddito Cittadinanza, Tridico: funziona ma povertà non è abolita
 


Ha poi fondato la società che conta 15 dipendenti e adesso ha bisogno di 16 collaboratrici da affiancare al personale preparato, per formarle e poi assumerle a tempo indeterminato. Vuole offrire un lavoro sicuro e stabile ma nessuno lo vuole. «Ho urgenza di trovare queste persone per il settore alberghiero – spiega l’imprenditrice –, alcune mi servono da subito altre da marzo, vanno bene anche gli uomini, ci sono le vetrate esterne degli hotel da pulire oltre agli interni. Basta che siano persone serie con voglia di lavorare». Diverse ne ha già selezionate e mandate via però.

«Mi sono capitate persone che volevano lavorare in nero – aggiunge – io faccio il contratto, non esiste che tengo una dipendente non in regola. C’era chi aveva il reddito di cittadinanza e non lo voleva perdere chi aveva fatto domanda per ottenerlo e rischiava di prenderlo con un lavoro regolare. Per non parlare poi di chi chiede di lavorare solo pochi mesi per prendere la disoccupazione».
 

 

Ultimo aggiornamento: 11:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA