Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scuole chiuse, gli istituti si preparano: «Venite a prendere i libri». Genitori a casa (senza congedi)

Venerdì 12 Marzo 2021 di Veronica Cursi
Scuole chiuse, gli istituti si preparano: «Venite a prendere i libri». Genitori a casa (senza congedi)

«Cari genitori potrete venire a ritirare i libri dei vostri figli a scuola in vista della probabile chiusura a partire da lunedì». «Il messaggio arriva nella chat di classe. Ed è un colpo al cuore. Da lunedì in mezza Italia le scuole di ogni ordine e grado potrebbero chiudere, Lazio compreso, e sembra di tornare esattamente a un anno fa.

Dejavù. Alcuni istituti di Roma si stanno già preparando in vista della nuova organizzazione che ancora non si sa quanto durerà (è probabile fino a dopo le vacanze di Pasqua). Le comunicazioni tra scuole e famiglie in queste ore sono frenetiche: come ci organizza in tempo per lunedì? Useremo le stesse app dello scorso anno per la didattica a distanza? E chi è tornato finalmente in ufficio dovrà richiedere lo smart working per stare con i figli?

Lazio zona rossa, i presidi: «Si torna in Dad? Danni irreversibili per tutti»

Lazio zona rossa, da lunedì tutte le scuole in Dad. Parrucchieri e barbieri chiusi, ma si può andare nelle seconde case

Dove si chiude

In 17 Regioni su 20 potrebbero essere chiuse tutte le scuole. Le uniche Regioni con la scuola in presenza resterebbero Sicilia, Valle d'Aosta, e Sardegna. Con la zona rossa non ci sono più lezioni in presenza per tutti gli alunni, dagli asili nido alle scuole superiori. Lo stesso vale in tutti i Comuni dichiarati rossi con ordinanze locali, a prescindere dal colore della regione. Gli studenti con disabilità o con bisogni educativi speciali potranno continuare ad andare in classe. Per quanto riguarda le università sono le singole università a decidere quali attività formative indispensabili possono essere mantenute in presenza, nel rispetto del protocolli e sentito il Consiglio universitario regionale.

Cartucce e lievito

La mente torna alle assurde mattinate del marzo 2020 tra collegamenti con il capo e tabelline. «Mamma non mi si collega il computer», «non sento la maestra», «devo fare i compiti», «mi aiuti con il problema?». E già si pensa a fare scorte di risme di carta e cartucce per la stampante. Ah, non dimenticate il lievito per l'immancabile sessione di cucina pomeridiana. Solo che stavolta non ci saranno canti sul balcone e cartelloni, la gente si è stufata di dire che andrà tutto bene, perchè dopo un anno sembra di ritornare al punto di partenza. 

«Quando mia figlia di 7 anni ha saputo che forse le scuole richiudevano è scoppiata a piangere, mi ha detto "io non ce la faccio da sola senza la maestra" -  si sfoga mamma Asia - Per loro sarà devastante restare di nuovo chiusi in casa, speriamo solo che duri poco». Giorgia, avvocato, mamma di due bimbi di 6 e 8 anni è su tutte le furie: «Come faccio a organizzarmi in due giorni? Lavoro dalle 8.30 alle sei di sera. Dovrò chiedere un'aspettativa per stare con loro. Di nuovo». Già, di nuovo. 

I congedi

E se i bambini rimangono a casa, chi penserà a loro? Ed ecco che torna anche il tema congedi. Le famiglie in questo momento si trovano senza paracadute, cioè con la necessità di gestire i figli  ma senza la possibilità di lasciare temporaneamente il lavoro visto che i congedi parentali introdotti lo scorso anno sono scaduti lo scorso 31 dicembre e restano operativi solo per alcune fattispecie specifiche. Le misure sono attese nel decreto sostegni a cui il governo sta lavorando e che include anche i nuovi ristori a sostegno delle imprese, ma il via libera al provvedimento dovrebbe arrivare - nel migliore dei casi - soltanto la prossima settimana.

I danni della Dad

I presidi si dicono disperati «perché tornare in didattica a distanza è un danno tremendo dopo che abbiamo lavorato faticosamente per ricostruire un minimo di continuità». Per non parlare della didattica. «Ho un figlio che necessita di sostegno - si sfoga papà Maario - per noi la dad è una missione impossibile».

Secondo una ricerca di Skuola.net su tremila alunni delle scuole superiori - uno studente su 3 nell'ultimo anno ha studiato in pigiama, più di 6 su 10 hanno confessato che, almeno una volta, hanno risposto presente all’appello disattivando poi microfono e telecamera per fare altro (playstation, cellulare, social). Oltre 8 su 10 sono convinti che, quando lo hanno fatto, il docente non si sia proprio accorto di nulla. E quasi nessuno ha avuto conseguenze disciplinari. 

Ultimo aggiornamento: 15:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA