Firenze, fugge da casa, l'influencer conosciuta su Tik Tok denunciata a Le Iene: aveva convinto un disabile a spogliarsi in diretta

Lunedì 25 Gennaio 2021 di Silvia Natella
Fuga da casa, l'influencer conosciuta su Tik Tok denunciata a Le Iene: aveva convinto un disabile a spogliarsi in diretta

Social e Tik Tok ancora sotto accusa dopo che Selena Jennifer Castillo, 16 anni, è fuggita da Reggello (in provincia di Firenze) in compagnia di un’altra ragazza, una diciassettenne pisana conosciuta sulla piattaforma. Dopo la scomparsa, ha anche pubblicato dei post al vaglio degli inquirenti. Intanto, si indaga sull'influencer (oltre 30mila followers su Instagram, 60mila su Tik Tok) che secondo i genitori l'avrebbe plagiata. In passato era finita a Le Iene per aver convinto un disabile di 20 anni a spogliarsi in diretta social. 

TikTok, 16enne scappa di casa da Firenze con una ragazza conosciuta sul social: «Mami, scusami». Di lei nessuna traccia

 

LA SCOMPARSA

 I genitori della ragazza hanno raccontato che la figlia è andata via di casa il 14 gennaio, senza documenti né cellulare, portanto con sé solo la pochette con i trucchi. La sua vita ruotava attorno ai social e durante il lockdown avrebbe fatto amicizia con questa ragazza. La famiglia stava vivendo un periodo difficile: entrambi i genitori hanno perso il lavoro a causa della pandemia. 

Video

 

L'INFLUENCER

La ragazza conosciuta su Tik Tok era stata denunciata per un episodio di cyberbullismo dopo aver convinto un disabile a spogliarsi in diretta e averlo anche denigrato per intrattenere i suoi followers. Il ragazzo avrebbe tentato il suicidio dopo l'accaduto. La 17enne è nota per le sue "dirette fiume" e non ha nascosto la soddisfazione di finire finalmente in televisione perché diventare famosa è il suo sogno. Forse proprio per questo progetto avrebbe architettato la fuga di Selena. 

 

LE DIRETTE 

Dopo la fuga, Selena ha pubblicato più stories da altrettanti angoli d’Italia spiegando che il suo è un allontanamento volontario. «Non sono scomparsa. Sto bene!»

© RIPRODUZIONE RISERVATA