Spostamenti e Covid: tutte le regole zona per zona e regione per regione, che cosa si può fare L'autocerticazione

Lunedì 23 Novembre 2020 di Lorena Loiacono

Italia divisa in zona rossa, zona arancione e zona gialla con lockdown di diverso livello: ogni Regione ha il suo colore, con le sue regole e restrizioni. E non va dimenticata l'autocertificazione.

Si tratta di indicazioni da seguire con attenzione: ecco allora come e dove ci si può spostare.

Coronavirus, Speranza su allentamento misure nelle Regioni rosse: massima prudenza

Le regole sono scandite in base al colore, legato ovviamente alla criticità del territorio per l'emergenza Covid, e resteranno così fino al 3 dicembre prossimo. Da quel giorno in poi, infatti, molto probabilmente cambieranno. Per le feste di Natale, infatti, il Governo sta pensando a nuove indicazioni che possono contenere gli incontri tra parenti senza però vanificare gli sforzi fatti finora e senza compromettere ulteriormente la situazione.

 

ZONA ROSSE

Quali sono?

Rientrano nelle aree rosse le regioni Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano, Toscana, Valle d'Aosta.

E' possibile spostarsi dalla zona rossa?

No, è vietato.

E' possibile spostarsi all'interno della zona rossa?

All'interno dell'area rossa è vietato ogni spostamento. Anche verso comuni limitrofi inclusi quelli dell'area gialla o arancione. Non è possibile spostarsi neanche all'interno dello stesso comune. Non è consentito far visita o incontrarsi con parenti o amici non conviventi, in qualsiasi luogo, aperto o chiuso. Vietato ogni spostamento, quindi, ma ad eccezione di quelli motivati.

 

 

Quali spostamenti sono consentiti?

Le eccezioni riguardano le esigenze lavorative, le situazioni di necessità come nel caso della spesa alimentare, la visita ai figli minori se non vivono sotto lo stesso tetto in caso di separazione e motivi di salute. Sono inoltre consentiti gli spostamenti necessari per lo svolgimento della didattica in presenza, prevista solo fino alla prima media.

È consentito inoltre il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza ed è possibile fare sport all'aria aperta, a livello individuale e in prossimità della propria abitaizone.

Video

Come viene dimostrata la necessità di spostarsi?

Per dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti è necessario compilare l'autodichiarazione, anche su moduli prestampati in dotazione alle forze di polizia.

 

ZONE ARANCIONI

Quali sono?

Rientrano nelle aree arancioni le regioni Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Puglia, Sicilia, Umbria

E' possibile spostarsi dalla zona arancione?

No, gli spostamenti in altre regioni sono vietati.

E' possibile spostarsi all'interno della zona arancione?

No, sono vietati anche gli spostamenti verso altri comuni interni alla zona arancione

Quali spostamenti sono consentiti?

Nell’area arancione è consentito spostarsi solo all’interno del proprio Comune, dalle 5 alle 22. Dalle 22 alle 5 invece sono vietati tutti gli spostamenti. Sono ammessi solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute, per motivi di studio legati alla didattica in presenza o per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio Comune come l’ufficio postale e il supermercato.

Come viene dimostrata la necessità di spostarsi?

Per dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti dal Dpcm, è necessario compilare e presentare ai controlli l'autodichiarazione, anche su moduli prestampati in dotazione alle forze di polizia.

ZONE GIALLE

Quali sono?

Rientrano nelle aree gialle le regioni Lazio, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto.

E' possibile spostarsi dalla zona gialla?

Nell'area gialla è consentito spostarsi dalle 5 alle 22

Dopo il coprifuoco, alle 22, che cosa succede?

Dalle 22 alle 5 di mattina sono vietati tutti gli spostamenti.

Ci sono spostamenti consentiti anche dalle 22 alle 5?

Sono ammessi solo gli spostamenti motivati ​​da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Tra queste possibilità ci sono le visite a parenti malati, in difficoltà o ai figli minorenni che vivono con l'altro genitore o con altro affidatario. Questi spostamenti sono consentiti anche tra Comuni differenti ma devono avvenire sempre scegliendo il tragitto più breve.

Come viene dimostrata la necessità di spostarsi?

Per dimostrare che lo spostamento dalle 22 alle 5 di mattina rientra tra quelli consentiti dall'ultimo Dpcm, è necessario compilare e presentare durante gli eventuali controlli dell'autodichiarazione, anche su moduli prestampati in dotazione alle forze di polizia. Vale la pena ricordare che l'autocertificazione viene verificata e l'eventuale falsità della costituzione reato

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA