Stefano Leo, il giudice si scusa: «Killer libero perché non c'è personale»

Venerdì 5 Aprile 2019
Stefano Leo, il giudice si scusa: «Killer libero perché non c'è personale»

Continua a far discutere la mancata carcerazione di Said Mechaquat, il 27enne che si è consegnato alle forze dell'ordine, confessando l'omicidio di Stefano Leo. Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha annunciato l'invito dei suoi ispettori a Torino per «verificare l'efficienza della magistratura». Condannato a un anno e mezzo, in via definitiva, per un corto circuito tra Corte d'Appello e procura l'ordine di carcerazione non è mai stato spiccato. Chiede scusa alla famiglia della vittima Edoardo Barelli Innocenti, presidente della Corte d'Appello di Torino, che non ci sta però a fare da capro espiatorio. 

Stefano Leo, il killer doveva essere in carcere: Said libero per un ritardo del tribunale

Stefano Leo, strazio del papà: ucciso per aver regalato un sorriso al suo assassino
 


E punta il dito contro il ministero: «Sono qui a prendermi i pesci in faccia, come è giusto che sia, ma non scrivete che la colpa è solo dei magistrati - è la sua dura presa di posizione. La massa di lavoro da smaltire è tale che il ministero della Giustizia dovrebbe provvedere ad assumere cancellieri e assistenti perché è quello di cui abbiamo bisogno». Parla da «rappresentante dello Stato», Barelli Innocenti, e come tale non intende scaricare le proprie responsabilità. Ma non accetta che la sua Corte d'Appello sia considerata «corresponsabile dell'omicidio». E per questo motivo ricostruisce passo dopo passo la vicenda giudiziaria di Said Mechaquat. 

«Non c'è nessuna garanzia - sostiene il giudice - che il 23 febbraio potesse essere in carcere». Il giovane era stato condannato in primo grado nel 2015 per le botte e i soprusi cui sottoponeva la compagna. Il suo ricorso in appello era stato giudicato inammissibile nel 2018. Fine dei giochi. A quel punto, in base alle norme, la Corte avrebbe dovuto rinviare la palla alla procura presso il tribunale. «La sentenza è divenuta irrevocabile l'8 maggio 2018 - spiega Barelli Innocenti - Se noi fossimo nel migliore dei mondi possibili e se il cancelliere, oltre a mettere il timbro di irrevocabilità, si fosse accorto che era stato condannato a un anno e sei mesi senza condizionale, se avesse trasmesso immediatamente l'estratto alla procura e se la procura avesse eseguito subito la sentenza, non avremmo nessuna garanzia che il 23 febbraio Mechaquat sarebbe stato in carcere». In sintesi, secondo il giudice non sarebbe bastata una firma a evitare l'omicidio.

«Se uno si comporta bene, ogni sei mesi ha 45 giorni di beneficio - spiega ancora -. Inoltre viene osservato e può accedere a misure alternative». L'errore, quindi, c'è stato; non per negligenza o per imperizia, ma per i troppi carichi di lavoro - a Torino restano circa 10mila sentenze da eseguire - e per il poco personale a disposizione. «Con le attuali forze non posso garantire che questo non succeda mai più - afferma il presidente della Corte d'Appello di Torino -. Lo dico col cuore infranto: ho dedicato tutta la mia vita a questo ed è duro da dire. Noi ce la mettiamo tutta e bisogna che qualcuno ci aiuti. Non possiamo farcela da soli. Il sistema è malato», conclude senza mostrare preoccupazione per l'arrivo degli ispettori: «Se e quando verrà l'ispettore, vedrà in che condizioni siamo...».

Ultimo aggiornamento: 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA